ATLETICA INDOOR, GRANDE EXPLOIT DI GIOVANNI CELLARIO

La stagione indoor di atletica leggera ha preso il via ieri e si è aperta subito con un exploit. A Modena sui 60 metri Giovanni Cellario de La Fratellanza ha sorpreso tutti conquistando il successo in batteria con 6.60, seconda prestazione mondiale dell’anno dietro a quella del francese Lemaitre (6,58) e nona assoluta a livello nazionale. Demolito di ben 25 centesimi il personal best: finora il 22enne reggiano aveva, infatti, al suo attivo un 6.85 realizzato nel 2013, dopo aver indossato la maglia azzurra ai Mondiali Allievi del 2011 e fatto segnare diverse migliori prestazioni italiane nelle categorie giovanili, come quella sui 60 indoor cadetti (7.12), ed è ancora suo il limite europeo degli undicenni nel lungo con 5,52.

Cellario proviene da una famiglia votata all’atletica: il papà Giampaolo (che è anche il suo allenatore) è stato un buon velocista negli anni Sessanta e la mamma, Francesca Sandrolini, sprinter di livello nazionale, mentre il fratello maggiore Stefano azzurro degli ostacoli, nel decathlon e anche sulle piste di bob.

“Guardo quelle tre cifre e ancora non ci credo – ha detto a fine gara Giovanni Cellario – erano tre anni che, per colpa di vari intoppi fisici dovuti anche alla crescita non riuscivo a gareggiare con continuità. Ma un tempo del genere è da un po’ che pensavo di averlo nelle gambe”.

(Foto www.fidal.it)