CAPUANO: “ABBIAMO AVUTO SETTE OCCASIONI A UNA, QUANDO DEVI PERDERE, PERDI”

Delusione e rammarico, ma anche la consapevolezza di aver fatto una buona prestazione e di aver avuto diverse occasioni per segnare. Ezio Capuano arriva in sala stampa commentando così la sua prima sconfitta sulla a panchina gialloblù: “Quando perdi in questo modo devi soprattutto andare negli spogliatoi e rincuorare i ragazzi. Partite così io ne ho perse tante, ma non ne ho mai vinte. Ho contato sette palle gol a zero. Il Mantova prima del vantaggio non aveva mai tirato in porta. Il loro portiere ha fatto tre miracoli ma, bisogna essere onesti, in alcuni casi noi eravamo a tre metri dalla porta e lì non si può sbagliare. La palla di Basso sullo 0-0 non può non andare dentro. Fare un prestazione del genere o come quelle di San Benedetto e Fano e fai solo due punti è veramente incredibile“.

Capuano commenta poi l’episodio della forzata sostituzione di Cossentino: “Cossentino aveva una goccia di sangue e l’arbitro non lo ha fatto rientrare. Aldrovandi è entrato a freddo e non poteva fare grandi cose. Io voglio comunque rivedere la punizione che ha portato al gol. Se devi perdere, perdi, c’è poco da fare“.

Si parla poi dell’attacco e in particolar modo di Diakitè, anche oggi insufficiente. “Bajner non si è allenato tutta la settimana e ha avuto dei problemi e non potevo fare giocare Ravasi e Tulissi, nessuno dei due con un minino di fisicità – spiega Capuano – l’unica cosa da fare è andare avanti così perché di occasioni ne abbiamo create tanto. Sicuramente sul mercato dovremo rimpinguare qualche settore ma io sono convinto che il Modena, se questa è la grinta in campo e il modo di allenarsi, il Modena, sono convinto, resterà in Lega Pro. Il mercato? Io devo lavorare sul campo, per il mercato c’è gente capace che ha già individuato, sicuramente prima che io arrivassi, quello di cui il Modena ha bisogno. E’ probabile, come ho già detto, che proveremo a rimpinguare certi settori in cui siamo un po’ carenti“.