FOCUS SUL LUMEZZANE, PROSSIMO AVVERSARIO DEL MODENA

Per il Modena sarà molto importante dare continuità ai risultati, a partire dalla trasferta di sabato, sempre alle 14.30, sul campo del Lumezzane, classica squadra di serie C e avversario che sembra alla portata degli uomini di Pavan. In classifica i bresciani hanno otto punti, uno in meno dei canarini, frutto di due vittorie (entrambe tra le mura amiche), due pareggi e ben quattro sconfitte. Sei i gol realizzati finora, sette quelli subiti (in entrambi i casi due in più del Modena). In panchina è stato da poco esonerato il tecnico Antonio Filippini, uno dei due gemelli del Brescia anni ‘90 e 2000, subentrato l’anno scorso alla 23ª giornata e confermato dopo aver conquistato la salvezza. Al suo posto è stato chiamato l’ex tecnico del Lecco Luciano De Paola. In genere la squadra bresciana si schiera con un classico 4-3-3, il modulo preferito anche dal tecnico gialloblù Pavan. In porta dovrebbe essere confermato Pasotti. Davanti a lui la difesa a quattro formata da Rapisarda, Tagliani, Sorbo e Bonomo. A centrocampo la regia è affidata all’esperto francese Genevier, diverse stagioni di serie B con Pisa, Torino, Livorno, Pro Vercelli e Novara. Ai suoi lati dovrebbero invece giocare l’ex Cesena Arrigoni e uno tra Gentile e Vaccaro, quest’ultimo al rientro da un infortunio. Per quanto riguarda il tridente d’attacco, l’ex Sassuolo Barbuti fungerà da riferimento centrale con ai lati due giocatori tra Varas, Russini e Leonetti. Modena e Lumezzane si sono incontrate in partite ufficiali 13 volte alla fine degli anni ‘90, inizio 2000, tutte in Serie C o al massimo in Coppa Italia. Sei sono i confronti allo stadio Saleri di Lumezzane con quattro successi della squadra di casa (uno addirittura per 5-0 nella Coppa Italia di serie C del 2001) e soltanto due pareggi.
Ma il confronto rimasto sicuramente più impresso nella memoria dei tifosi è quello, doppio, della semifìnale play off del campionato di serie C1 1998/99. In quell’occasione la squadra rossoblu si impose nettamente sia al Braglia che in casa contro un Modena che, essendo arrivato terzo nella regular season, sarebbe andato in finale anche con due pareggi. Al Braglia finì 3-1 con tripletta di uno scatenato Carlo Taldo, futuro gialloblù, e gol della bandiera di “Mino” Bizzarri. Successo che il Lumezzane confermò anche sul suo campo, 2-1 con doppietta di Cassetti e ancora Bizzarri, conquistando una finale che poi perse da favorito contro la Pistoiese. L’ultimo precedente tra le due squadre è dell’agosto 2001, in Coppa Italia, quando il Modena di Gianni De Biasi si impose al Braglia 1-0 con rete di Enrico Fantini.

Di Giovanni Botti