MODENA, CAPUANO: “INCONTRO CON LA SOCIETA’ IL 24 MAGGIO. CALIENDO VUOLE CREARE UNA SQUADRA IMPORTANTE”

Dei dubbi che in questi giorni stanno avvolgendo la panchina del Modena si è a lungo parlato. A fare un po’ di luce sul proprio futuro ci pensa lo stesso Ezio Capuano:Mi sento praticamente tutti i giorni con il presidente e il direttore Pavarese -dichiara alla Gazzetta di Modena – ho molta fiducia anche perché ho avuto modo di confrontarmi con un Caliendo particolarmente motivato. Mi ha ribadito la volontà di creare una squadra importante, di primo piano per la Lega Pro. Di questo sono felice perché è quello che la piazza merita. E poi ci tengo a fare chiarezza su di un concetto in particolare. Non sono venuto a Modena solamente per cinque mesi e per centrare l’obiettivo salvezza. Sono venuto a Modena per aprire un ciclo e per farlo ci vorrà una programmazione di un certo tipo. Attendo dunque il 24 del mese per capire le intenzioni del presidente, fino a quel giorno resto l’allenatore dei gialli”.

In questi giorni il nome del tecnico campano è stato accostato a varie formazioni: “Ovviamente quando il tuo nome è accostato a certe squadre fa molto piacere, come fanno piacere gli interessamenti di altri club. Ma come detto ho un contratto con il Modena. Ho firmato il rinnovo in un momento complicato della mia gestione e l’ho fatto in modo convinto apprezzando anche il gesto della società. Sapevo comunque che alla fine sarebbe arrivata la salvezza, ne ero convito e così è stato. L’ho capito una volta di più dopo il beffardo ko patito in casa della capolista Venezia. Negli spogliatoio del “Penzo”, a fine partite, ho detto ai ragazzi che avremmo raggiunto il nostro obiettivo. Adesso, chiusa quell’impresa, bisogna fare un passo in avanti. Modena non può essere protagonista di un campionato anonimo di Lega Pro, per questo ho chiesto certe garanzie. Ci vorrà ancora un po’ di pazienza per conoscere il futuro, ma sono fiducioso perché Caliendo, come dicevo, mi è sembrato fortemente motivato. Poi se i programmi cambieranno vedremo…”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.