MODENA, INTERVISTE DI MANFREDINI E POLVERINI NEL POST-DERBY

Interviste post-derby del portiere Manfredini e del difensore Polverini

Foto: Gazzetta di Modena

Ai microfoni della stampa presente al Mapei Stadium nel post partita sono intervenuti Manfredini e Polverini rilasciando dichiarazioni in merito alla sconfitta:

Manfredini

“E’ un peccato perchè secondo me abbiamo fatto un ottimo primo tempo. Nella ripresa non abbiamo sofferto i primi dieci minuti dove loro siamo andati molto forte ed hanno trovato la via del gol. Ci abbiamo provato fino alla fine. Credo che la partita fosse stata preparata molto bene, ci è mancato solo il gol. Dobbiamo pensare partita dopo partita, penso che ci sarà una penalizzazione e non sarà semplice. Quello che conta è pensare subito alla partita contro il Renate e trovare i tre punti il prima possibile. Siamo un bellissimo gruppo, stiamo lavorando sodo. Quello che è fuori non ci compete, ci sta lavorando la società e noi pensiamo solo al campo che è l’unica cosa che conta.”

 

Polverini

“Abbiamo fatto 40 minuti di grande intensità: tutto il primo tempo è stato caratterizzato dal nostro gioco. Siamo ripartiti nella ripresa un po troppo bassi, abbiamo concesso qualche palla gol e sono stati bravi loro a sbloccarla. Ci siamo fatti risentire nuovamente ma anche con 20/30 cross non siamo riusciti a pareggiarla. Ci dispiace perchè abbiamo fatto tre prestazioni buone, secondo me quest’ultima è la migliore, ma siamo ancora a secco di punti. Il mister ha detto più volte che è una squadra composta da 7/8 elementi arrivati negli ultimi venti giorni quindi ci manca ancora il feeling giusto. In settimana lavoriamo bene con il mister per cercare di capire i meccanismi il più velocemente possibile. Non abbiamo più la possibilità di fallire. Sappiamo come fare, già domani iniziamo a pensare a Renate. La classifica? E’ ferma ma bugiarda perchè facciamo buone prestazioni.”

(foto: Gazzetta di Modena)

 

Di Andrea Pellacani

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.