MODENA, UN PAREGGIO CHE NON FA SORRIDERE

Dopo il pareggio subito in rimonta contro la Reggina, la gara odierna contro lo Spezia era una sorta di spartiacque su quello che potevano essere le ultime dieci giornate di campionato del Modena. Da una parte c’era la possibilità di continuare a inseguire il treno playoff, mentre dall’alta un finale di stagione nel limbo del centroclassifica, visto che il margine sulle zone calde resta ancora abbastanza rassicurante. Il pareggio a reti inviolate contro la compagine ligure, lascia presagire che per i canarini la possibilità di accedere agli spareggi promozione sia definitivamente sfumata e l’obiettivo resta quello di conquistare la salvezza il prima possibile, cosa assolutamente alla portata della truppa di Novellino. Il Modena sin dalle prime battute ha mostrato maggiore presenza sul campo rispetto alla Spezia, rendendosi pericoloso almeno in un paio di occasioni, tra cui una traversa colpita da Babacar, nella prima frazione. La squadra di Mangia ha provato a giocare di rimessa, ma con risultati abbastanza deludenti, tanto che Pinsoglio non è stato quasi mai chiamato in causa. Nella ripresa sono ancora i canarini a fare la partita anche se lo spezia sfiora il gol con Bellomo al 54′, ma una prodezza di Pinsoglio evita che la palla si depositi in rete. Dopo dieci minuti una bellissima punizione di Burrai colpisce l’incrocio dei pali, soffocando sul nascere l’esultanza del Braglia. Sul prosieguo dell’azione Scozzarella, già ammonito, commette un ingenuo fallo a centrocampo, lasciando lo Spezia in dieci uomini. Nonostante la superiorità numerica il Modena non riesce a incidere e nei venti minuti finali sembra accusare un leggero calo fisico. Proprio nel finale lo Spezia va nuovamente vicino al gol ma questa volta è la traversa a graziare Pinsoglio e compagni. Due minuti prima del novantesimo i liguri restano addirittura in nove uomini per l’espulsione di Lisuzzo, ma gli assalti all’arma bianca dei canarini non impensieriscono più di tanto Leali. In pieno recupero Babacar calcia malissimo da posizione centrale e su questa conclusione si chiude un incontro che potrebbe sancire l’addio definitivo da parte del Modena al sogno playoff.

LE PAGELLE

PINSOGLIO 6,5: la splendida parata su Bellomo vale come un gol. Per il resto della partita ha quasi sempre vita facile, con l’attacco spezzino che raramente lo impensierisce.

GOZZI 6: prestazione sufficiente e di sostanza. In quel ruolo è una certezza.

CIONEK 6,5: il migliore del reparto arretrato. Intercetta sempre i palloni ed è bravo a sbrogliare alcune mischie nell’area gialloblu.

ZOBOLI 6,5: ritorna in campo dopo due partite e sembra aver messo alle spalle l’infortunio. Come sempre da sicurezza alla retroguardia del Modena.

GAROFALO 6: sta accusando un leggero calo fisico, ma la sua generosità lo porta a correre per tutti e novanta i minuti senza mai fermarsi.

MOLINA 5,5: meno incisivo del solito, difficilmente riesce a saltare l’uomo e a creare situazioni pericolose nell’area spezzina.

BURRAI 6: alla terza gara consecutiva da titolare sfiora il gol con una bellissima punizione. L’assenza di Salifu gli sta dando la possibilità di giocare con regolarità.

BIANCHI 6,5: vince quasi tutti i contrasti e i rimpalli. Sa fare benissimo il lavoro sporco e con questo modulo è diventato un titolare inamovibile.

RIZZO 6: nel primo tempo è troppo innamorato del pallone e ha la colpa di non servire un liberissimo Babacar. Nella ripresa migliora e aiuta la squadra a salire.

BABACAR 5,5: con un bel colpo di testa colpisce la traversa, ma l’insufficienza è frutto di quel tiro lentissimo nel finale di partita che poteva regalare la vittoria al Modena.

GRANOCHE 6: non segna ma fa sentire la sua presenza in campo. E’ sempre utile in fase difensiva e in attacco vince diversi contrasti. I gol contro Latina e Reggina lo hanno rigenerato fisicamente e mentalmente.

MARZORATI 5,5: un quarto d’ora in cui non convince fino in fondo.

MAZZARANI S.V.

DOUDOU S.V.

IL TABELLINO

MODENA: Pinsoglio; Gozzi (dall’89’ Doudou), Cionek, Zoboli (dal 75′ Marzorati), Garofalo; Molina, Burrai, Bianchi, Rizzo (dall’81’ Mazzarani); Babacar, Granoche. A disp. Manfredini, Calapai, Nardini, Stanco, Dalla Bona, Manfrin. All. Novellino
SPEZIA: Leali; Madonna (dal 27′ Magnusson), Datkovic, Lisuzzo, Baldanzeddu; Scozzarella, Seymour, Bellomo; Schiattarella, Ferrari (dall’85’ Ebagua), Catellani (dal 61′ Sammarco). A disp. Valentini, Giannetti, Culina, Carrozza, Orsic, Gentsoglou. All. Mangia

Arbitro sig. Abbattista di Molfetta (Carbone – Santuari)
Ammoniti: Gozzi, Schiattarella.
Espuslsi: Scozzarella, Lisuzzo.

FRANCESCO BEDONI