ROSSELLI MUTINA, NOTARI:”PUNTIAMO A CRESCERE, SIA DAL PUNTO DI VISTA SOCIETARIO CHE DEI RISULTATI”

IL MISTER DELLA ROSSELLI MUTINA PARLA DELLA STAGIONE CHE E' AI NASTRI DI PARTENZA

Mister Roberto Notari, come sta procedendo la preparazione estiva e come vede la Rosselli Mutina, anche in vista dei primi impegni ufficiali?
«Stiamo lavorando bene, fortunatamente non abbiamo subìto particolari contrattempi, quindi per ora il bilancio è positivo. Assieme allo staff tecnico e al preparatore atletico, il prof. Daniele Dotto, stiamo cercando di non esagerare nei carichi ma di organizzare il lavoro, tenendo conto anche del periodo di gran caldo. L’obiettivo, in questa fase di preparazione, è di dare una impronta tattica al gruppo e di operare sul piano atletico in maniera tale che i ragazzi siano pronti per il campionato e per le partire che “contano”. In questi giorni abbiamo due amichevoli, col Ganaceto (disputata sabato scorso, ndr) e col Formigine (mercoledì 23), prima dell’esordio in Coppa Italia Eccellenza domenica 27 col Fiorano».
Quali sono gli obiettivi da raggiungere?
«Lo scopo di questa stagione è quello di fare bene, come ho già detto in passato puntiamo a crescere sia dal punto di vista dei risultati sia sul fronte societario. Siamo senz’altro una buona squadra e non intendiamo nasconderlo, come diverse altre compagini peraltro, ma non c’è solo l’aspetto tecnico da tenere in considerazione. E sottolineo che l’umiltà non deve mancare a ogni livello: noi stiamo cercando di crescere anche come mentalità, non si dimentichi che la Rosselli Mutina non ha mai disputato l’Eccellenza. Quindi faremo il meglio possibile, anche per onorare gli investimenti della proprietà, operando sulla base del progetto biennale che abbiamo messo a punto con la società. Chiaro che sarebbe bello fare cose importantissime da subito ma facciamo un passo alla volta, la squadra è composta da tanti calciatori che non hanno mai giocato insieme, perciò non ci sarà nessun proclama se non il fatto che daremo il 100%».
Come prevede che sia il livello del campionato? Cosa si aspetta dalle altre squadre?
«Il livello del campionato è alto, ci sono 7-8 squadre che sono attrezzate per distinguersi. Penso in prima battuta alla Rubierese, che si è rinforzata dopo che l’anno scorso si era piazzata seconda e aveva partecipato agli spareggi per la serie D; al Castelfranco e al Rolo; senza dimenticare compagini importanti come la Bagnolese, il Nibbiano e l’Axys. Sarà un bel torneo».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.