BINOTTO: “ARRIVEREMO AD ABU DHABI SENZA PENALITÁ”. E LE FERRARI DOMINANO LE FP3

Un breve resoconto delle Libere 3, in cui le Ferrari dominano la scena. Binotto non si dice preoccupato dei cambi sul motore: tra poco la diretta delle Qualifiche

Si sono da poco concluse le Prove Libere 3 del sabato mattina. Dopo la supremazia di Ricciardo il “trono” se lo prendono le Ferrari, con due tempi super. Vettel e Raikkonen si sono ampiamente piazzati davanti a tutti.

Con le stesse gomme la Red Bull di Verstappen si è fermata ad oltre un secondo di distacco da Vettel. Ricciardo ha invece accusato problemi sulla sua RB13, comunque rivoluzionata sul piano aerodinamico e pericolosa per le Rosse.

Massa è quartultimo per problemi fisici, ma è comunque più veloce di Stroll. Impressionano anche le McLaren e le Renault, tutte e quattro stabilmente in top-10.

Clicca qui per passare al live delle Qualifiche!

BINOTTO IN CONFERENZA

Ieri mattina Mattia Binotto è intervenuto in conferenza stampa. Ha parlato del GP d’Ungheria, dello sviluppo della prossima vettura 2018 e, infine, anche dei problemi al turbocompressore Ferrari.

“Ad inizio stagione abbiamo lottato con le Mercedes. Lo sviluppo è importante e dovrà protrarsi gara dopo gara, anche se a volte i guasti non sono correlati direttamente alla vettura in sè. Abbiamo cambiato già quattro turbocompressori, è vero, ma stiamo lavorando per introdurre nuovi elementi di maggiore affidabilità. Ad inizio stagione alcuni turbo hanno fallito, ma ora vanno bene e arriveremo al nostro obbiettivo: arrivare ad Abu Dhabi senza incorrere in penalità.”

Il neo rappresentante tecnico Ferrari non può sottrarsi alla domanda, in questi giorni “di rito” su Halo (clicca qui per un’analisi approfondita). “Sarà parte integrante della vettura 2018. La scelta di Halo, che è già stata resa ufficiale, arriva forse in ritardo. Ma la teniamo in considerazione, soprattutto per quanto riguarda l’aerodinamica ed i flussi di aria sul posteriore dell’auto.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.