FERRARI: “2017 INCORAGGIANTE”, VETTEL: “POSSIAMO ANCORA MIGLIORARE. MASSA? SECONDI NON PER COLPA SUA…”

"Non sono riuscito a vedere bene le luci all'avvio. Con Felipe un malinteso ininfluente". Ma Binotto è ancora silenzioso...

Oggi la Ferrari ha emanato un comunicato sul bilancio del primo trimestre 2017 (vedi qui). Un’appendice è ovviamente rivolta alla Formula 1, che, come la restante parte economica, risulta molto positiva: «La Scuderia Ferrari ha lavorato molto per prepararsi alla stagione 2017, e i primi risultati sono incoraggianti: cinque podi nelle prime quattro competizioni, con due gare vinte da Sebastian Vettel».

Proprio il quattro volte iridato, a margine della gara di Sochi, in Russia, guarda al futuro con ottimismo ma anche con la consapevolezza d’un percorso appena iniziato: “Sono partito abbastanza bene (nel GP di Sochi, ndr), ma Valtteri ha fatto una grande partenza ed ha sfruttato la scia. Sapevamo che le folate di vento frontale potevano darci qualche problema. In più c’è stato un ritardo nello spegnimento delle luci del semaforo, per cui non ho visto bene come eravamo messi in griglia”. Il tedesco è tornato poi sull’episodio del giro finale con Felipe Massa, precisando che- come vi avevamo anticipato nelle pagelle“è stato solo un malinteso. Sentivo di poter entrare in zona DRS, ma non ho perso la gara per quel doppiaggio. Semplicemente non avevo capito la sua traiettoria”. 

Il prossimo appuntamento sul calendario è in Spagna, il 14 maggio. A Montmelò si tennero i test, e lì la Ferrari ebbe un buon riscontro. Tuttavia “possiamo ancora fare meglio e migliorare. Il bilancio è positivo, ma non ancora al top”, chiude Seb.

Sulla stessa linea invece Maurizio Arrivabene e Kimi Raikkonen, che imputano il motivo della perdita di una posizione rispetto alla griglia di partenza allo start: “avevamo un ottimo passo gara, ma l’avvio ci ha penalizzato. Poi non c’era molto da fare, non è successo un granché e c’era solo da mantenere la posizione (quella di Raikkonen, ndr).

Resta curiosa l’assenza delle parole del Team Principal, Mattia Binotto. La sua figura sembra un perno assoluto in questo 2017, ad oggi ricco di soddisfazioni, ma, mediaticamente, non v’è sua traccia.

E a lui, alla Ferrari, ed ai tifosi, va anche bene così.

di Gigi Ferrante

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.