FORMULA 1, LE PAGELLE DEL GP DI SINGAPORE. HAMILTON E VETTEL SONO I MIGLIORI.

HAMILTON 9: torna leader del Mondiale e il ritiro di Rosberg gli semplifica la cosa. Il britannico fa una gara praticamente perfetta e nel finale supera senza troppi patemi un Vettel in crisi con le gomme. Ora ha 3 punti di vantaggio sul compagno di squadra e un vantaggio psicologico non indifferente; vantaggio di chi sa come vincere un Mondiale di Formula 1.

VETTEL 8,5: il Campione del Mondo in carica fa la sua miglior gara stagionale e riesce a mettersi dietro anche Ricciardo. Una piccola grande rivincita in una stagione che ha messo in discussione il suo talento e la sua capacità di vincere.

RICCIARDO 7,5: nel finale ha qualche problemino e preferisce controllare su Alonso e portare a casa il terzo posto senza insidiare Vettel. Ma l’australiano ha la stoffa e con una monoposto ai livelli della Mercedes avrebbe potuto compiere l’impresa.

ALONSO 7: tanti dubbi sul suo futuro, ma anche a Singapore l’asturiano mostra tutta la sua classe. Purtroppo la Ferrari è una spanna sotto la Red Bull e il podio diventa un obiettivo impossibile.

MASSA 6,5: il tracciato asiatico non è l’ideale per la Williams e Massa non va oltre un comunque ottimo quinto posto.

VERGNE 8: il francese nei giri finali compie una rimonta straordinaria e chiude al sesto posto nonostante due penalità. L’anno prossimo non correrà più per la Red Bull e in queste gare dovrà fare di tutto per mettersi in mostra e ottenere un volante anche nel 2015.

PEREZ 7,5: assieme a Vergne anima le tornate finali del Gran Premio compiendo diversi sorpassi. Dopo un inizio altalenante, il messicano è diventato una presenza abituale in zona punti.

RAIKKONEN 6: non ama Singapore e questo già si sapeva, ma continua a uscire sconfitto dalla sfida con il suo compagno di squadra.

HULKENBERG 6: ritorno alla zona punti per il tedesco della Force India, ma la sua seconda parte della stagione è stata sotto le aspettative.

MAGNUSSEN 6: la sua McLaren negli ultimi giri è un forno e fatica non poco a terminare la gara. Mezzo punto in più per la determinazione.

 

FRANCESCO BEDONI