FORMULA UNO, DOMENICA A MONZA SI CORRE IL GRAN PREMIO D’ITALIA

La Ferrari di Sebastian Vettel torna alla vittoria, sul circuito di Spa in Belgio, avvicinandosi in classifica al campione del mondo in carica Lewis Hamilton, secondo al traguardo. L’inglese ha ora 17 punti di vantaggio sulla Ferrari del tedesco. Quella di Spa è stata una vittoria particolarmente importante per il Cavallino e i suoi tifosi, anche perchè il circuito era sempre stato favorevole alla Mercedes. Ritirato invece Kimi Raikkonen, la terza piazza è alla fine occupata da Max Verstappen su Red Bull. Una vittoria importantissima per il morale della scuderia del Cavallino. Situazione di equilibrio anche nel mondiale costruttori dove la classifica dice Mercedes. Lasciati alle spalle i Gran Premi di Agosto, ora cominicia la seconda fase del Mondiale, quella cosiddetta autunnale, che prende il via, come è spesso accaduto, col Gran Premio d’Italia.

L’autodromo nazionale di Monza è il terzo autodromo permanente più antico al mondo, dopo quello di Brooklands (non più in uso) e quello di Indianapolis. Dal 1950 è stato ininterrottamente la sede del Gran Premio d’Italia di Formula 1, organizzato dall’Automobile Club di Milano. Dal 1991, con le modifiche al circuito di Silverstone, il tracciato brianzolo è il più veloce tra quelli iridati: il record assoluto del circuito è di 1’19″525 con una media di 262,240 km/h stabilito nelle prove libere del Gran Premio d’Italia 2004 da Juan Pablo Montoya. Il tracciato di Monza è estremamente tecnico dove è fondamentale un ottimo setup meccanico e dove l’abilità del pilota in frenata è determinante dal momento che nei 5793m del tracciato brianzolo si contano ben quattro lunghi rettilinei dove le vetture di Formula 1 superano abbondantemente i 340 km/h. Per questo motivo deve essere affrontato con una macchina particolarmente “scarica” ed è noto tra gli appassionati come il tempio della velocità. Ciò obbliga i fornitori di carburante e lubrificanti a sviluppare soluzioni apposite per la tappa[10], nel mondiale di Formula 1 vengono progettate delle soluzioni aerodinamiche apposta per questo tracciato, unico nel suo genere.

Per il fatto di trovarsi all’interno di un parco, l’autodromo presenta particolari problemi di impatto ambientale. Già al tempo della sua costruzione, per intervento delle autorità competenti, il progetto originale, che prevedeva un circuito lungo circa 14 km, dovette essere scartato e sostituito da uno di minore impatto, lungo 10 km e che sfruttava alcune strade già esistenti. Un altro problema è quello del rumore, lamentato da alcuni residenti dei vicini paesi di Vedano al Lambro e Biassono: negli ultimi anni vi sono stati diversi ricorsi alla magistratura, con l’intento di imporre un limite alle emissioni sonore. Sebastian Vettel ha trionfato tre volte a Monza, rispettivamente nel 2008, 2011 e 2013, quando sedeva al volante della Red Bull. Negli ultimi anni, invece, è stato un dominio Mercedes, con tre trionfi di Lewis Hamilton e uno di Nico Rosberg. L’ultima vittoria della Ferrari risale a settembre 2010, con Fernando Alonso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.