ROSBERG SPEGNE I RUMORS: “NON TORNERÓ IN F1, TANTOMENO IN FERRARI”

Il campione del mondo in carica nega quanto detto da Toto Wolff su un suo possibile ritorno. Intanto la Ferrari lavorerà sullo "Shield"

Subito spente le voci, ventilate per primo da Toto Wolff, di un possibile ritorno in F1 per il campione del mondo in carica Nico Rosberg. Il tedesco era stato accostato addirittura alla Ferrari in qualità di possibile sostituto di Raikkonen nel 2018: “non mi sorprenderebbe se tornasse, magari in Ferrari. Era stanco e stressato, ma è uno dei migliori piloti in circolazione, forse il migliore”. Così aveva sostenuto il numero uno Mercedes alla vigilia del GP in Canada (clicca qui per le pagelle).

La risposta di Rosberg non lascia spazio a troppe interpretazioni: “non tornerei mai. In F1 la mia carriera è da ritenersi conclusa definitivamente, fa parte del passato.” Altro che Ferrari, dunque. Nico non pensa neanche più al Circus come possibilità futura.

La Ferrari ha comunque entrambi i piloti in scadenza. Ma non sembra intenzionata a contattare possibili sostituti almeno fino alla ripresa dopo la sosta estiva.

NOVITÁ TECNICHE

Ci sono comunque delle novità tecniche nell’ambito della sicurezza. Secondo i tedeschi di Auto Motor und Sport lo “Shield”, dispositivo di sicurezza simile ad un piccolo parabrezza, dovrebbe essere testato dalla Ferrari entro il GP di Silverstone (16 luglio 2017).

Per tutte le altre scuderie sarà disponibile solamente dal GP d’Italia del 3 settembre. Ad oggi tale “Shield” è stato mostrato solo agli addetti ai lavori durante il week-end di Shangai. Dovrebbe avere un profilo più tagliato ed allungato rispetto all’Aeroscreen (in foto qui sopra) montato dalla Red Bull un anno fa. Il prototipo RB fu presto archiviato.

Gigi Ferrante

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.