LA LIU JO NORDMECCANICA SI AGGIUDICA GARA1. NOVARA BATTUTA 3-1

Continua il sogno della Liu Jo Nordmeccanica. Le bianconere hanno vinto la prima sfida con la Igor Gorgonzola Novara, imponendosi, in un Palapanini sold out, con il risultato di 3-1 (25-23, 25,21, 17-25 e 25-20). Come nelle precedenti partite con Conegliano, è stato il gruppo a fare la differenza: ognuna delle ragazze di coach Gaspari ha dato il massimo per avere la meglio sulle piemontesi, giocando una pallavolo di altissimo livello e mandando in visibilio gli oltre 5ooo tifosi, accorsi per dare manforte alle proprie beniamine.

MVP del match è stata la capitana modenese Brakocevic, autrice di 17 punti (3 muri e 1 ace); autentica trascinatrice e principale bocca di fuoco bianconera: quando si accende, allora le sue compagne la seguono a ruota. Invece se ha dei cali, come è avvenuto nel terzo set perso, sono dolori. Ottima anche la prestazione di Caterina Bosetti: 15 punti e percentuali d’attacco notevoli; dominanti sottorete, con 9 punti ciascuna, le due centrali Belien-Heyrman. Come è accaduto in gara 1 con Conegliano è stato determinante l’apporto di Marika Bianchini: la giovane schiacciatrice toscana è subentrata alla palleggiatrice Ferretti per il servizio nel secondo set, con Novara avanti 21-17. Ebbene ha dato il via alla rimonta bianconera con 8 turni in battuta, conditi da 1 ace e 1 punto, portando la Liu Jo ad aggiudicarsi il set.

Tra le fila piemontesi molte giocatrici hanno steccato. Le due schiacciatrici, Plak e Piccinini, hanno fatto rispettivamente 12 e 11 punti, ma con percentuali basse. La più attesa, l’opposta Barun, è stata molto discontinua, mettendo a referto 13 punti; la migliore è stata la centrale della Nazionale Cristina Chirichella, che con i suoi 14 punti (5 muri) ha tenuto a lungo in apprensione la difesa bianconera.

Ancora una volta va lodato il lavoro di coach Gaspari, perché la grinta e la voglia di vincere delle giocatrici va di pari passo con la sua. Adesso il cammino si complica, perché la Liu Jo avrà due partite di fila in trasferta, nella tana di Novara; però, come si è già visto con Conegliano, il fattore campo è poco influente, se le bianconere continueranno a giocare a questi livelli.

di Mattia Amaduzzi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.