MODENA-MILANO, VELASCO: “IL PUBBLICO E’ VENUTO AD AIUTARCI A VINCERE. ZAYTSEV? SENTE TROPPO LA RESPONSABILITA'”

Come sempre non scontato il coach di Modena Volley Julio Velasco al suo arrivo in sala stampa dopo la bella vittoria contro Milano, nella quale i gialloblù, nel secondo e nel quarto set, hanno dovuto rimontare.

Voglio ringraziare il pubblico del PalaPanini – ha detto subito Velasco – che invece di venire a vederci vincere e venuto ad aiutarci vincere e ci ha dato una mano enorme, hanno spinto in modo incredibile e si è sentito tantissimo. Abbiamo portato a casa una partita fondamentale, che ci porta in Final Four a Bologna, un obiettivo difficile, perché Milano contro di noi gioca davvero benissimo. Non abbiamo mai mollato, mai, sono contento di questa squadra“.

Era una partita importante e difficile – continua Velasco – per tutte le squadre più blasonate questi quarti di finale sono complicati, perché le altre squadre non hanno niente da perdere, mentre quelle più importanti hanno tanto da perdere, è stato quindi fondamentale che la squadra abbia tenuto botta“.

Il coach gialloblù si è poi soffermato sull’ottima prestazione degli schiacciatori, Urnaut e Bednorz. “Tine è una conferma, è uno che c’è sempre, a volte gioca meglio a volte un po’ peggio, ma è uno di quei giocatori che ci sono sempre. Bednorz invece è un ragazzo che sta crescendo. Oggi all’inizio è tornato un po’ indietro, non chiudeva i colpi d’attacco, poi si è ripreso ha cominciato ad attaccare di nuovo alto e ha avuto due turni di battuta decisivi, oltre che in ricezione dove sta tenendo alla grande, e che era un suo punto debole“.

Chi invece continua a non giocare all’altezza delle sue qualità è lo Zar Ivan Zaytsev. “Ivan sta passando un momento un po’ complicato – ha spiegato Velasco – perché, secondo me sente, un po’ troppo la responsabilità. Una cosa è il personaggio Ivan Zaytsev, un’altra è il giocatore, un giocatore della squadra. Lui deve giocare la sua partita con la consapevolezza che è un grande giocatore. Non sta passando un gran momento, ma sono sicuro che passerà, deve credere in se stesso e nella squadra perché lui è un giocatore che fa squadra“.

Infine una considerazione e una battuta sulla grande rimonta del quarto set. “Intanto ho perso un anno di vita – scherza Velasco – e ho detto ai ragazzi che, se continuo così, non vedo crescere i miei nipotini. Lo sport è così, le partite girano, la cosa più importante è che noi non abbiamo mollato nei due set in cui abbiamo rimontato. E poi stiamo difendendo di più anche se possiamo ancora crescere per quanto riguarda la difesa“.

Il video integrale della conferenza stampa di Julio Velasco

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.