MODENESE, BUTTITTA: “OBIETTIVO SALVEZZA, SPERIAMO SI RIPARTA A FEBBRAIO”

Il direttore sportivo della Modenese Piero Buttitta ha fatto il punto della situazione sull’anno solare che si è appena concluso e sulle aspettative per il nuovo anno: “Il 2020 è stato molto brutto, anche se a noi ha portato una grande soddisfazione con la promozione in Eccellenza, categoria impensabile da raggiungere fino a qualche anno fa. E’ vero che il campionato non era ancora concluso, ma penso che la nostra vittoria sia comunque meritata. Questa è stata l’unica gioia in un anno grigio. Infatti, adesso non ci stiamo godendo il campionato che abbiamo affrontato con una squadra di ottimo livello, ma che ancora non è possibile giudicare. L’obiettivo primario anche nel nuovo anno rimane la salvezza, cercando di restare il più lontano possibile dalla zona retrocessione. Per noi sarebbe già un grande risultato per poi affrontare nella prossima stagione un campionato di Eccellenza con un format normale. Se poi oltre alla salvezza riusciremo a toglierci qualche soddisfazione in più saremo molto contenti”. 

Si è soffermato anche sulla ripresa dell’attuale stagione: “Tutto dipenderà dalla sanità e dalla federazione. Io spero che si possa ricominciare a giocare ad inizio febbraio e quindi intorno al 10-15 gennaio poter fare allenamento con l’utilizzo degli spogliatoi. Mi auguro anche che il girone si concluda normalmente con andata e ritorno. Fare solamente l’andata non sarebbe un vero campionato, non si possono decretare promozioni e retrocessioni in sole tredici partite, è troppo poco per vedere i veri valori delle squadre”.

Infine, una battuta sul mercato con la Modenese che ha già fatto un movimento in entrata ed uno in uscita: “Ghidoni è un giocatore che avevamo già seguito anche in estate poi sono state fatte altre valutazioni. Il suo arrivo non è legato alla partenza di Falanelli, anche perché riteniamo che i ruoli siano diversi. Falanelli, invece, aveva accettato il nostro progetto ma con l’accordo che in caso di chiamata da una categoria superiore l’avremmo lasciato partire e così è stato. Il fatto che la Serie D stia giocando regolarmente ha accelerato questo movimento. Al momento, altre valutazioni non le abbiamo fatte anche perché è tutto fermo. Quando riprenderanno le attività, probabilmente, si muoverà qualcosa e noi staremo attenti e vigili sul mercato perché vorremmo inserire un paio di pedine per migliorare e rinforzare ulteriormente la rosa”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.