SASSUOLO, CON LA CREMONESE PER TROVARE CONTINUITA’

(Foto Sassuolocalcio.it)

Alla ricerca della continuità. Non si tratta di un titolo di un film già uscito sui maxischermi, ma la sceneggiatura è stata già messa in piedi dal tecnico Dionisi, dove gli attori protagonisti saranno i suoi giocatori, che hanno l’obbligo di dimostrare al loro tecnico di poter raggiungere determinati risultati. Il “filotto” è quello che manca a questa squadra nella stagione in corso, si sta lavorando molto sull’aspetto psicologico, perché è venuto meno quel mordente in certe partite, specialmente contro le cosiddette piccole, fattore invece costante contro le big del campionato. E’ anche vero però, che la squadra neroverde si esalta nelle difficoltà, ha dimostrato carattere proprio nel momento più buio della sua stagione, sfoderando prestazioni straordinarie (la vittoria per 5-2 a San Siro contro il Milan). Adesso, servono conferme, il prossimo avversario si chiama Cremonese. I grigiorossi hanno conquistato la loro prima vittoria in campionato proprio nell’ultima giornata, nella contestata partita contro la Roma, dopo un buon pareggio a Torino con i granata. Inoltre i grigiorossi si sono tolti delle soddisfazioni in Coppa Italia, eliminando Napoli e Roma, centrando la semifinale, dove affronterà la Fiorentina.

D’altro canto, i neroverdi devono tornare a vincere davanti al proprio pubblico, gli ultimi tre punti sono arrivati il 4 Febbraio contro l’Atalanta di Gasperini. Battere il fanalino di coda di questo campionato, apparentemente può sembrare semplice, ma conosciamo le insidie che nascondono queste partite, è proprio qui che serve il cambio di passo. Al Mapei Stadium, i sostenitori della squadra di Dionisi, vorranno vedere un altro segnale. La vittoria ottenuta in Salento ha nuovamente emozionato un popolo che ha voglia di ambire a certi traguardi, il loro sostegno a più di settecento chilometri di distanza si è fatto sentire, li in quello scorcio dedicato al settore ospite, esultando in modo elegante e tacito, come suo solito. Iniziamo a stropicciarci gli occhi, qualcosa sta cambiando, d’altronde abbiamo sempre sognato, non ci fermeremo di certo ora.

di Nicolò Caruso