CAPUANO: “SE QUALCUNO PENSA AD OBIETTIVI DIVERSI DALLA SALVEZZA MEGLIO VADA IN MANICOMIO”

Abbiamo fatto male la fase iniziale del primo tempo – così inizia il commento di Eziolino Capuano nel dopo partita di Bolzano – noi siamo una squadra che cerca di giocare e il campo non ce lo permetteva. Poi nel nostro momento migliore abbiamo preso gol. Avevamo una assenza importante in avanti come quella di Diop e Diakite non era in condizione. L’ho messo in campo solo per cercare di fare qualche spizzata“.

Non credo sia stata una prestazione come quella di Macerata – continua Capuano – all’avversario, tranne i primi dieci minuti, non abbiamo concesso più nulla e abbiamo preso gol nel nostro momento migliore. Diciamo che oggi c’erano assenze importanti come quella di Diop. Un bravo cuoco però deve utlizzare al meglio i prodotti che ha nella dispensa e anche un allenatore deve cercare di utilizzare al meglio quello che ha. Oggi in difesa si è faticato più del solito anche perchè i due esterni erano spesso molto alti“.

Capuano interviene poi sull’episodio del gol, un mix di errori tra Ambrosini e lo stesso Manfredini. “Ambrosini ha avuto paura di fare fallo, visto che era stato ammonito dopo cinque minuti, Manfredini ha preso gol sul suo palo, e l’insalata è fatta. Manfredini sa che gode della mia fiducia, ma un portiere del suo livello che prende gol sul suo palo vuol dire che qualche problema c’è stato“.

Capuano infine torna sugli obiettivi della sua squadra. “Se qualcuno pensa che la nostra squadra debba pensare a qualcosa di più della salvezza è meglio che vada in manicomio. Bisogna ricordarci come eravamo messi, se riusciremo a conquistare la salvezza senza la lotteria dei play out sarà come aver vinto il campionato. Oggi sotto il profilo dell’impegno e dell’abnegazione comunque ce l’abbiamo messa tutta e abbiamo, credo, onorato i nostri tifosi che ci hanno sostenuto fino alla fine. Loro vincono sempre. La partita col Lumezzane di sabato prossimo? Ci giochiamo il 30% delle possibilità di conmquistare la salvezza senza passare dai play out“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.