CARPI, IL “BENTEGODI” APPUNTAMENTO CRUCIALE COME UN ANNO FA

A distanza di poco più di un anno Carpi e Verona tornano a sfidarsi al “Bentegodi” in una gara dall’importanza enorme. Tante cose sono cambiate da quel 20 marzo 2016, in primis le categorie. Se quattordici mesi fa le contendenti si disputavano la permanenza in serie A, oggi lottano per lasciare la serie B e tornare nel massimo palcoscenico nazionale. In quell’occasioni finì 2-1 per gli emiliani con reti di Di Gaudio e Lasagna. Due giocatori che ancora oggi militano nel Carpi.

Il successo nella gara del “Bentegodi” di un anno fa permise ai biancorossi di continuare a sperare nella salvezza, illusione poi resa vana dalla sconfitta in casa con la Lazio a due giornate dalla fine. Quest’anno l’obiettivo è riuscire a disputare i play-off, possibilità messa a rischio dalla marcia trionfale di Spal, Frosinone e appunto Verona. Oggi il terzo posto è occupato dai ciociari a quota 71, a più 10 sul Perugia quarto. Una distanza sufficiente a promuovere direttamente in serie A le prime tre della graduatoria. Ecco che il Carpi, con un risultato positivo al “Bentegodi”, farebbe un grande favore a tutte le squadre in lotta per i play-off (a condizione ovviamente che vincano). Non sarà certamente facile andare a fare bottino pieno a Verona, ma i biancorossi stanno attraversando un momento positivo e i ricordi vincenti di un anno fa potranno fungere da trampolino di lancio per nuovi allori.

Di Mattia Giovanardi

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.