LE PAGELLE GIALLOBLU: PERGREFFI, INGENUITA’ CHE COSTA CARA. ANCORA BENE BEARZOTTI

GAGNO 6, non ha colpe sui due gol del Matelica. Per il resto non deve compiere grandi interventi a dimostrazione del fatto che i marchigiani non creano pericoli clamorosi nonostante siano in un uomo (e poi due) in più.

BEARZOTTI 6,5, probabilmente il migliore dei suoi. Attento in copertura, ma soprattutto costante nella spinta offensiva. In diversi momenti della partita si trasforma in una vera e propria ala aggiunta.

PERGREFFI 4, la gomitata che rifila al giocatore del Matelica e la conseguente espulsione diretta è l’episodio che condizioni negativamente la gara e uno della sua esperienza non può permettersi un’ingenuità simile. Non granché attento nemmeno sul gol del pareggio dei marchigiani.

MILESI 6, il meno in difficoltà dei centrali gialloblù. Non fa cose straordinarie, ma non commette nemmeno gravi errori.

MIGNANELLI 6, il fallo da dietro su Franchi, con il quale lascia il Modena in nove, è dovuto più alla stanchezza che altro. Al di la di quell’episodio la sua partita è stata positiva con una spinta costante sulla fascia e anche qualche opportunità, non sfruttata, per rendersi davvero pericoloso. Come in altre occasioni non è altrettanto efficace in fase difensiva.

MURONI 5,5, meno bene che nelle ultime due occasioni. Non riesce ad imporsi a centrocampo e si vede poco, sia in interdizione che in appoggio alle punte.

DAVI 6, entra al posto di Muroni ad inizio ripresa, con il Modena in dieci e fa il suo, recuperando diversi palloni e cercando di aiutare anche la spinta offensiva.

GERLI 6, come sempre tocca tantissimi palloni e cerca di prendere per mano la squadra e dare le geometrie giuste, ma commette più errori del solito. Qualche pallone perso di troppo rispetto alle altre gare. Partita comunque sufficiente.

CASTIGLIA 5, sbaglia un’occasione clamorosa in avvio di gara, calciando alto da centro area su grande assist dal fondo di Bearzotti. Poi scompare praticamente dal campo e nella ripresa viene sostituito da Sodinha.

SODINHA 6, prova a mettere la sua classe al servizio delle punte e lo fa con impegno e abnegazione portando spesso da lontano. Non riesce però ad essere incisivo come altre volte.

TULISSI 6, parte bene come sempre in questa stagione, ma, con il Modena già in dieci uomini, è costretto a fermarsi per un problema muscolare.

COSTANTINO sv, in campo al posto di Tulissi non fa quasi in tempo ad entrare in partita che deve uscire per un infortunio. Nel periodo in cui resta in campo non ha occasioni credibili per essere pericoloso.

MONACHELLO 6, in campo nel finale di gara al posto di Costantino prova a rendersi pericoloso prima con una girata in area di rigore, poi con una conclusione a sorpresa dalla lunga distanza. E’ comunque ancora lontano dalla condizione migliore e si vede. Una sufficienza di incoraggiamento.

SPAGNOLI 5,5, ha due occasioni di testa, una in particolare nella ripresa, ma non ha fortuna. Più confusionario che in altre occasioni.

SCAPPINI 6,5, dimostra di essere un centravanti vero dopo pochi minuti sorprendendo il portiere del Matelica con un colpo di testa all’indietro sul primo palo. Mignani lo toglie dal campo subito dopo l’espulsione di Pergreffi, puntando sulla maggior corsa di Tulissi e atleticità di Spagnoli, ma la mancanza del suo fiuto del gol, alla lunga, si sente.

ZARO 5,5, entra in campo subito dopo l’espulsione di Pergreffi e ci mette parecchio a prendere le misure alla gara. E’ sua la sfortunata deviazione del secondo gol del Matelica. Nella ripresa cresce e nel finale, con il Modena in nove, prova a sfruttare la sua statura andando a fare il centravanti.

MIGNANI 6, la decisione più importante della sua gara, quella che fa più discutere, è la rinuncia a Scappini dopo l’espulsione di Pergreffi. La sua scelta è sicuramente logica, di certo, dovendo giocare con un uomo in meno da metà primo tempo, Tulissi e Spagnoli sembravano più adatti dell’ex granata. Una scelta che, alla lunga, però non paga e l’assenza di un vero centravanti d’area, soprattutto nel finale, si sente. Nella ripresa gestione positiva di una squadra in inferiorità numerica, al punto che il gioco resta quasi sempre in mano al Modena.

(GB)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.