LE PAGELLE GIALLOBLU’: SANSOVINI-FERRARIO, GRANDE INTESA, ANCORA BENE RABIU

DIEYE 6, un paio di parate basse su tiri non irresistibili da fuori area e una buona uscita su Ferrari a fine primo tempo che costringe l’attaccante del Crema a sbagliare un gol che sembrava già fatto. Non ha colpe sui due gol dei lombardi.

NDOJ 6,5, il migliore dei difensori gialloblù. Spinge con costanza sulla fascia cercando di andare ad appoggiare Montella. Bene anche in difesa con un paio di diagonali precise.

DIERNA 5,5, un autogol abbastanza comico per anticipare Ferrari a cui rimedia con il secondo gol in campionato, di testa su rovesciata di Montella. Non è sicuro come altre volte e soffre l’intelligenza tattica dell’attaccante del Crema Pagano. Meglio nella ripresa quando Apolloni decide di passare alla difesa a tre.

PERNA 5,5, anche per il capitano una prestazione meno sicura di altre volte. Provoca il rigore abboccando alla giocata in area di Ferrari e in fase di rilancio non è preciso come in altre occasioni.

GOZZI 6, mandato in campo nella ripresa per dare più solidità alla difesa si piazza in mezzo a Dierna e Perna e controlla gli avanti del Crema, prima Ferrari e poi Marrazzo, con una certa sicurezza. Merita una maglia da titolare.

ZANONI 5,5, un po’ più in difficoltà di Ndoj sulla sua fascia di competenza. Spinge di meno e anche in difesa soffre qualcosa di più. Nel finale si fa notare per una percussione personale che meritava migliore fortuna.

PETTARIN 6,5, la concorrenza di Loviso probabilmente lo stimola e il centrale friulano gioca la sua gara migliore da quando è in gialloblù. Sopperisce alla lentezza di passo con grinta e senso della posizione e segna un gol importantissimo, quello del 2-2, su rovesciata di Montella.

LOVISO 6,5, esordio in gialloblù per un giocatore che dimostra subito di non centrare granché con questa categoria. Giocate semplici, visione di gioco e qualità. Può davvero prendere in mano le chiavi del centrocampo del Modena.

RABIU 7, altra prestazione di grande personalità per il ragazzino nigeriano. Bravissimo in fase di interdizione, sicuro nei passaggi e tecnico quando prova alcune giocate importanti. E con Loviso di fianco può crescere tanto.

BOSCOLO PAPO 5,5, nel primo tempo non entra quasi in partita non riuscendo a fungere da collante tra centrocampo e attacco come si vorrebbe da un rifinitore dietro le punte. Meglio nella ripresa quando il passaggio al 3-5-2 lo riporta nei tre di centrocampo.

MONTELLA 6,5, tanta corsa sulla fascia anche se, soprattutto nel primo tempo, a volte è un po’ troppo largo a destra. Suoi gli assist per i gol dei due pareggi entrambi in rovesciata. Nella ripresa ha anche un’ottima occasione di testa ma non riesce a dare potenza alla sua incornata. Prova comunque positiva.

SANSOVINI 7, parte in panchina probabilmente per qualche acciacco fisico avuto in settimana. Appena entrato però prende per mano l’attacco gialloblù confezionando due assist al bacio per i due gol che chiudono la partita. Dimostra una intesa notevole con Ferrario.

FERRARIO 7, nel primo tempo è spesso da solo a fare a sportellate con i centrali del Crema. Riesce però a costruirsi una buona opportunità sulla quale la difesa ospite rimedia all’ultimo. Nella ripresa, con Sansovini di fianco, mette in mostra tutto il suo senso del gol. Prima “spizza” di testa per Baldazzi in occasione del 3-2, poi chiude il match con un gol da grande attaccante.

BALDAZZI 6,5, nel primo tempo soffre la marcatura del rude ed esperto Stankevicius, schierato terzino. Nella ripresa però cresce e lo mette in grande difficoltà andando a realizzare il gol del 3-2 canarino.

APOLLONI 6,5, inizia con i suoi giocatori di maggior tecnica in panchina, ma riesce a cambiare la squadra nel momento giusto, reggendo l’urto iniziale del Crema e dandogli il colpo di grazia nella ripresa, quando la squadra lombarda comincia a calare. E il suo Modena sembra essere davvero un gruppo compatto.

(GB)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.