MODENA, BOLLINI: “SAN MARINO DA NON SOTTOVALUTARE. SIAMO PRIMI E DOBBIAMO RIMANERCI”

In vista dell’ultima gara di campionato contro il San Marino, mister Bollini ha potuto rispondere alle domande dei media locali presso la sala stampa dello stadio Alberto Braglia. La stagione è giunta alla fine e se sarà un finale dolce o drammatico, sta al Modena deciderlo. In caso di vittoria contro il San Marino e di un contemporaneo stesso risultato della Pergolettese contro il Sasso Marconi, andrà in scena lo spareggio finale tra le due squadre, il capitolo conclusivo, in un campo neutro (Piacenza o Mantova?).

Domenica non sarà ammesso nessun risultato diverso dalla vittoria: “Abbiamo fatto un’impresa. E’ stata una rincorsa dura, ma ora siamo lì davanti e dobbiamo rimanerci. Domenica avremo bisogno di tecnica, tenacia e carattere, ma anche di pazienza”.

In settimana la squadra si è allenata bene, ma soprattutto ha mantenuto alta la concentrazione dopo la vittoria di domenica scorsa: “Abbiamo lavorato seriamente. Non dobbiamo assolutamente sottovalutare l’avversario e vanificare tutta la fatica fatta fino ad ora. In questo momento della stagione devo centellinare i giocatori un po’ più esperti. Ferrario, Sansovini e Loviso sono reduci da alcuni acciacchi, mentre Ferretti e Zanoni non so se saranno disponibili”.

Domenica scenderà in campo la miglior formazione possibile: “Verrà certamente schierata la miglior formazione possibile, senza fare calcoli. Non bisogna però dimenticarsi che in questa serie si possono fare 5 sostituzioni e io ne devo tenere conto. Di solito, cerco di organizzare già prima della partita le sostituzioni che effettuerò poi in corso d’opera”.

Lo scontro diretto dell’ultimo turno si è portato dietro alcune polemiche: “Noi abbiamo vinto perché siamo stati molto bravi e perciò abbiamo meritato. Di tutti gli altri discorsi che ho sentito, mi interessa poco. L’emozione e la commozione negli occhi dei nostri dirigenti, mi ha invece fatto molto piacere”.

Contro il San Marino lo stadio sarà pieno: “Mi auguro che ci sia una grande partecipazione del nostro pubblico, che fino ad ora ci ha supportato sempre alla grande. E’ anche grazie ai tifosi se siamo qui”.

Riccardo Chiossi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.