MODENA, C’E’ TEMPO FINO A STASERA. POI SARA’ QUASI ADDIO ALLA GESTIONE DEL BRAGLIA

Sono ore caldissime in casa Modena e questa volta non stiamo parlando di campo. Scade infatti oggi l’ultimatum dato dal Comune ad Antonio Caliendo, patron gialloblù, per saldare le rate di giugno e dicembre a oggi rimaste insolute. Qualora non venissero pagate entro stasera, la gestione dello stadio automaticamente decadrebbe. I tempi burocratici della messa in atto ancora sono ignoti (comunque quasi certamente non prima della fine del campionato) ma certamente il club canarino non potrà contare sull’utilizzo di uffici, spogliatoi e campi di allenamento per la prossima stagione. Inoltre i gialloblù dovrebbero pagare un affitto per disputare le gare casalinghe nell’impianto del Braglia.

Nelle scorse settimane Caliendo aveva dichiarato di voler saldare la rata di giugno, per poi sedersi a un tavolo col Comune e ridiscutere insieme una convenzione più vantaggiosa per il patron. Tuttavia Piazza Grande, al momento, non sembra avere alcuna intenzione di trattare per un abbassamento dei costi della gestione. Dunque il problema persisterebbe anche in caso di pagamento delle rate in extremis.

Per oggi, salvo colpi di scena, non sono attesi comunicati ufficiali da nessuna delle due parti. E’ probabile invece che Modena e Comune facciano sentire la propria voce nella giornata di domani.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.