MODENA, CRESPO ESONERATO, TAIBI: “C’ERA BISOGNO DI UNA SCOSSA”

Crespo è stato esonerato. E’ questa la notizia che porta il ds Taibi al suo arrivi in sala stampa al termine di un dopo partita teso come in poche altre occasioni, con i tifosi entrati nella zona interviste chiedendo di incontrare Caliendo o Crespo e la moglie del tecnico argentino che passa in mezzo ai giornalisti urlando la frase sibillina “lo sanno tutti che lavora gratis”.

Un esonero che è maturato negli ultimi due minuti della gara col Cagliari, una partita in cui il Modena fino a quel momento, era riuscito a gettare il cuore oltre l’ostacolo e ad andare addirittura in vantaggio in 10 contro 11 (espulsione di Giorico per doppia ammonizione), grazie ad un gol di Belingheri dopo una grande azione di Rubin. Ma a rovinare tutto sono bastati due minuti di follia, tra il 93′ e il 95′ con i due gol concessi in pieno recupero a Farias e Sau per disattenzioni difensive incredibili.

Il Modena ora è precipitato in piena zona play out e alle porte c’è il confronto diretto forse più importante della stagione, quella di Vercelli. Una scossa quindi era necessaria, c’è da chiedersi solo se questa decisione non sia stata presa tardivamente. Vedremo chi sederà sulla panchina gialloblù per le prossime nove partite. I nomi che si fanno sono i soliti, da Cristiano Bergodi, al modenese doc Ivo Pulga, fino alla soluzione interna di un anno fa, Simone Pavan. Ma c’è sempre il fattore sorpresa che con Caliendo spesso non manca. Ne sapremo di più nelle prossime ore.

 

Di seguito la versione audio dell’intervista al ds Massimo Taibi con le motivazioni dell’esonero di mister Crespo.