MODENA, CRESPO “NON ACCETTO QUESTI BLACKOUT DELLA SQUADRA”

LE PAROLE DI MISTER CRESPO AL TERMINE DI MODENA - COMO

Il Modena perde 2-1 contro il Como del modenesissimo Stefano Cuoghi, a segno per i lariani, ultimi della classe, Ganz e Cristiani, per i canarini Andrea Mazzarani. La squadra di Hernan Crespo non è mai scesa in campo, gli ospiti l’hanno fatta da padroni in lungo e in largo, il gruppo geminiano è stato inferiore in tutto e per tutto alla squadra fanalino di coda della serie B.

Dopo una brutta batosta come quella contro il Como, i commenti sono tanti, ma alla fine ciò che conta è quello che dice il campo e possiamo dire che il Braglia oggi ha parlato chiaro: con la sconfitta contro i lombardi la stagione del Modena è ancora tutta da scrivere e con tanti punti interrogativi. Sicuramente se la truppa di Crespo dovesse continuare su questa strada, la Lega Pro sarebbe inevitabile. La classifica? Dice che il Modena, ora come ora, si trova a 35 punti; una sola lunghezza più sotto ci sono i playout e a 4 la retrocessione diretta.

Finita la partita, lo sconforto regnava padrone in sala stampa del Braglia, i tifosi si sono anche fatti sentire aspettando i giocatori e confrontandosi in maniera assolutamente pacifica con alcuni di loro. Ecco arrivare lui, l’allenatore del gruppo, Hernan Crespo che ha commentato così l’ennesimo tonfo dei suoi “Oggi la rabbia e il fastidio hanno il sopravvento, in una situazione del genere non accetto questo tipo di blackout – Ha detto molto arrabbiato l’ex attaccante – Non concepisco questa situazione: stiamo lottando per salvarci e  continua questa altalena di risultati. Queste sono situazioni che vanno al di la del campo e degli aspetti tecnici. Ci complichiamo sempre la vita da soli. Non siamo riusciti a sviluppare il gioco, abbiamo fatto tutto il contrario di tutto. L’errore tecnico ci sta – si sfoga il mister – ma l’impegno ci deve sempre essere nei giocatori. Questa sconfitta sarà difficilmente digeribile. Ci dobbiamo svegliare!”

Hernan Crespo è paragonabile ad un fiume in piena nel post partita “Quando siamo tutti attenti e sul pezzo, siamo una squadra che concede poco e gioca a calcio. Quando anche solo uno o due giocatori non sono attenti, paghiamo. Granoche? Forse è vero che Checco (Stanco) e’ più in forma di lui, ma non mi sembra giusto parlare dei singoli”.

A far scattare le proteste dei tifosi è stata soprattutto la sostituzione che ha portato in campo Stanco al posto di Luppi e non di Granoche come tutti si aspettavano. Crespo spiega così la sua scelta “Ho tolto Luppi e non Pablo per dargli fiducia. Speravo che i cross delle ali fossero utili per i due attaccanti. Ma così non è stato, nella gara di oggi non si salva proprio nessuno.”

Dallo Stadio Braglia di Modena

Filippo Mattioli