MODENA, E’ COMINCIATA LA SETTIMANA DEL DERBY: DOMENICA ARRIVA LA REGGIO AUDACE

Dopo le due vittorie consecutive con Classe e Calvina, domenica scorsa il Modena è inciampato sul terreno accidentato dello Stadio Pietro Fortunati di Pavia. I canarini, dopo essere andati in svantaggio grazie al gol casalingo di Duca, sono riusciti a recuperare con un colpo di testa di Montella allo scadere dei primi quarantacinque minuti regolamentari. Il Pavia, squadra che fino alla sfida di domenica non aveva mai pareggiato, è stato un avversario ostico, che ha cercato, fin dalle prime battute di gioco, di imporre la propria fisicità nei contrasti, con il solo scopo di innervosire i gialloblù.

In questa trappola è caduto lo stesso Montella che, dopo aver visto l’ennesimo fallo di Scannapieco su Ferretti, è entrato in ritardo, colpendo il rude difensore con una gomitata in volto, guadagnandosi così un cartellino rosso. Il Modena, con un uomo in meno, ha respinto le sfuriate avversarie, anche grazie a un super intervento di Dieye in uscita su Franchini. Alla fine, si ha la sensazione che sia più un punto guadagnato che due persi, perchè nel primo tempo il Pavia, con le combinazioni in velocità degli attaccanti, aveva messo alle corde la retroguardia canarina, e poi nella ripresa gli stessi lombardi hanno peccato di lucidità sotto porta.

Archiviata la pratica Pavia, Perna e compagni si apprestano a preparare la partita più sentita e attesa di questa seconda parte del 2018, ovvero il derby con la Reggio Audace. Fin da quando si è scoperto che la Reggiana sarebbe ripartita dalla Serie D, i tifosi di ambedue le squadre aspettano con trepidazione il ritorno dell’epico “Derby del Secchia”. Il Modena sarà chiamato ad invertire la tendenza, poichè negli ultimi incontri, è stata sempre la Reggiana a trionfare. L’ultima vittoria al Braglia risale al 5 novembre 2000, quando i canarini allenati da De Biasi si imposero 2-0, grazie ai gol di Pasino e Grieco. Più recenti, invece, sono i successi dei granata nel campionato di Serie C 2016/2017: in quella stagione i reggiani vinsero tutti e tre gli scontri con i rivali modenesi (2 in campionato e 1 in Coppa Italia).

Sembra passata un’eternità, visto quanto è accaduto ad entrambe le formazioni, ma ora eccole di nuovo tutte e due nello stesso girone di Serie D, a lottare per il primo posto, che vorrebbe dire far ritorno nel calcio professionistico. La squadra di mister Antonioli vanta la miglior difesa del raggruppamento, con appena 7 reti incassate, e uno dei migliori attacchi, con 22 reti all’attivo. Il reparto avanzato è guidato dal centravanti Luca Zamparo (10 gol in 11 presenze), ben coadiuvato dal giovane scuola Inter Bardeggia e da Ponsat, spesso usato a gara in corso. Una delle rivelazioni della Reggio Audace, però, è il centrocampista Wilfred Osuji: l’ex meteora canarina è stata trasformata dalla cura Antonioli, capace di reinventarlo trequartista assaltatore (un ruolo alla “Nainggolan“) e facendolo diventare uno dei trascinatori della formazione granata.

Mister Apolloni, che dovrà fare a meno dello squalificato Montella, per questo delicato e quanto mai fondamentale match, dovrebbe ripartire dalla difesa a tre, con il trio Gozzi-Dierna-Perna pronto a fermare gli inserimenti e le triangolazioni degli attaccanti granata.

 

MA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.