MODENA, E’ TEMPO DI BILANCI: I PARERI DEGLI ESPERTI

Archiviata la stagione, è tempo di bilanci per il Modena. Se avvolgiamo all’indietro il nastro, un anno fa, proprio in questi giorni, avveniva la conferenza stampa di presentazione di Luigi Apolloni come nuovo allenatore dell’allora neonata società canarina. La seconda avventura del mister di Frascati sulla panchina gialloblù però non è durata tanto quanto le premesse. Infatti, nonostante aver concluso il girone d’andata in prima posizione, la mancanza di gioco e i pareggi pesanti con Adrense, Sasso Marconi e San Marino gli sono costati il posto, costringendo il ds Tosi e chiamare in causa Alberto Bollini.

L’allenatore, cresciuto sportivamente proprio nelle giovanili canarine, dopo un periodo iniziale di ambientamento, è stato capace di agguantare la Pergolettese capolista nelle ultime giornate di campionato. Per lui, però, è stato fatale aver sbagliato completamente l’impostazione della partita più importante dell’anno, ovvero lo spareggio promozione contro la squadra cremasca.

Così, a rimettere in piedi una situazione che pareva compromessa, è stato chiamato Roberto Malverti. Il mister della Juniores (così come Contini della Pergolettese), in sole due partite è riuscito a rivitalizzare l’intero ambiente gialloblù, grazie a poche semplici ma logiche scelte. Com’è possibile che nessuno avesse mai pensato prima di spostare Sansovini alle spalle di Ferrario? Questo rimarrà uno dei grandi misteri irrisolti dell’annata.

La vittoria dei play-off permette, comunque, al Modena di guardare con maggior serenità al futuro, che però non comprenderà due figure cardine della rinascita gialloblù. Lunedì 3 giugno, infatti, a seguito di una riunione dei soci, Romano Amadei e Carmelo Salerno hanno rinunciato alle rispettive quote societarie, cedendole a Romano Sghedoni.

Possiamo guardare il bicchiere mezzo pieno – ha affermato Mauro Melotti, ex giocatore e allenatore giallobù, ora opinionista tv – avendo vinto i play-off il Modena ha oltre il 90% di possibilità di essere ripescato. Non è una stagione da buttare via, sicuramente è stata tribolata. All’inizio c’erano ben altre aspettative: il colpo di coda finale, però, potrebbe aver salvato il resto dell’annata. Adesso qualcosa dovrà cambiare. Ancora una volta è stato dimostrato che nel calcio non sono i soldi a farti vincere. Società che hanno speso meno del Modena sono state promosse direttamente

Ecco i pareri di giornalisti che seguono quotidianamente le vicende gialloblù.

Antonio Montefusco, Resto del Carlino: “Poteva andare meglio. Ma se si pensa com’era messo il Modena l’anno scorso, il fatto di essere scesi in campo è comunque un aspetto positivo

Guido Sani, Solo Dilettanti: “I cambi di allenatori non hanno portato il Modena a centrare l’obiettivo stagionale. La società dovrà ripartire da un mister che conosce la categoria“.

Marco Costanzini, Gazzetta di Modena: “E’ stata una stagione positiva, che però si è conclusa al di sotto delle premesse. Alla società canarina serve un General Manager e un Ds più operativo“.

Alessandro Iori, Trc e DAZN: “Non tutto è da buttare, visto che la società è stata ricostruita dalle macerie. Sarà difficile allestire la rosa, ma ripartirei dagli esperti e qualche giovane

Federico Sabattini, Parlando di Sport: “Almeno l’obiettivo minimo, vincere i play-off, è stato raggiunto. Per la prossima stagione vorrei che fosse data una possibilità a mister Malverti“.

Rossano Donnini, Guerin Sportivo e Resto del Carlino: “Una stagione tutto sommato positiva, vista la prima posizione nella graduatoria per i ripescaggi. Per salire di categoria bisogna però rifare la rosa“.

MA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.