MODENA, COL CROTONE LA VITTORIA DELLA MATURITA’

MODENA-CROTONE 2-0

MARCATORI: 45′ pt Zoboli, 76′ Babacar (rig.).

MODENA (4-4-2)
Pinsoglio, Gozzi, Cionek, Zoboli, Garofalo, Molina (44′ s.t. Dalla Bona), Salifu, Bianchi, Rizzo, Granoche (28′ s.t. Nardini), Babacar (36′ s.t. Doudou). A disposizione: Costantino, Calapai, Mazzarani, Marzorati, Manfrin, Burrai. All. Novellino

CROTONE (4-3-3)
Gomis, Del Prete (21′ s.t. Cataldi), Suagher, Ligi, Mazzotta, Matute, Crisetig, Bernardeschi, Dezi (16′ s.t. Pettinari), Bidaoui (36′ s.t. Giannone), Diop. A disposizione: Concetti, Galardo, Cremonesi, De Giorgio, Meola, Ishak. All. Drago

Arbitro: Minelli di Varese
AMMONITI: Gozzi, Molina (M), Gomis, Suagher, Pettinari (C)

La vittoria della maturità. Così potrebbe essere definito il 2-0 rifilato da un Modena cinico più che mai a un Crotone brillante e per lunghi tratti migliore dei canarini. Una partita che soltanto un paio di mesi fa, prima della sosta di gennaio, si sarebbe quasi certamente persa, a dimostrazione di come questa squadra sia cresciuta non solo sul piano atletico, ma anche e soprattutto su quello della fiducia e della personalità. La sconfitta immeritata di Trapani è stata lasciata alle spalle senza nessuno strascico e il Modena, forte della tranquillità data anche da un modulo più adatto come il 4-4-2, è riuscito ad avere la meglio di una delle squadre più brillanti, se non la migliore, viste quest’anno al Braglia. Una fase offensiva, quella dei pitagorici, portata con quasi tutti gli effettivi, senza dare veri punti di riferimento alle difese avversarie e degli esterni, in particolare l’accoppiata di sinistra Mazzotta, Bidaoui, difficilmente contenibili oltre a un gioco brillante e quasi tutto palla a terra. Un Crotone che per fare veramente il salto di qualità dovrebbe trovare forse un po’ di esperienza e un po’ più di attenzione in difesa in certe fasi della gara. Il Modena oggi ha trovato il gol proprio nel momento migliore degli avversari, con Zoboli di testa a fine primo tempo, e su rigore con Babacar nella ripresa, dopo un invenzione di Molina che aveva costretto un difensore al fallo di mano in area. E poi deve anche dire grazie a Carlo Pinsoglio autore di un paio di parate decisive proprio nei momenti topici dell’incontro, che lo confermano come uno degli acquisti più azzeccati dell’estate gialloblu. Tre punti d’oro quindi che consentono di mantenerne sette di vantaggio sulla quint’ultima, ma che valgono doppio dal punto di vista della fiducia e della crescita di consapevolezza di una squadra sempre più matura.

LE PAGELLE DEI CANARINI

PINSOGLIO 7,5, due grandi parate nei momenti cruciali della partita e tanta sicurezza anche in interventi facili solo in apparenza.

GOZZI 6, nel primo tempo non ci capisce nulla dalla sua parte con Mazzotta e Bidaoui. Nella ripresa prende le misure agli avversari, grazie anche ad alcune mosse azzeccate di Novellino.

CIONEK 6,5, una buona prova nonostante anche lui soffra un po’ nel primo tempo la velocità degli attaccanti calabresi.

ZOBOLI, 7, criticato ad inizio partita, gioca nonostante qualche screzio della scorsa settimana con mister Novellino. Fatica all’inizio ma ha il grande merito di sbloccare la partita con un superbo colpo di testa. Sicuro invece nella ripresa.

GAROFALO 6,5, ha di fronte un Del Prete febbricitante ma sempre pericoloso e lo controlla con sicurezza.

MOLINA 6, la sufficienza solo per l’invenzione che provoca il rigore a favore del Modena. Per il resto non una grande partita, specie in aiuto a Gozzi nel primo tempo.

SALIFU 7, tanti palloni recuperati e la consueta diga in mezzo al campo. Un giocatore fondamentale nel Modena di oggi, anche perchè non ha un sostituto con le sue caratteristiche.

RIZZO 6, non la sua migliore partita ma nella ripresa si sacrifica molto andando ad aiutare Gozzi e Molina sulla fascia destra.

BABACAR 6, trasforma il rigore con freddezza, ma non sfrutta nel migliore dei modi un paio di contropiedi molto favorevoli.

GRANOCHE 6,5, partita di grande sacrificio. In alcuni casi fa anche l’esterno di centrocampo a sinistra. E’ in crescita.

NARDINI 6, entra a dare manforte ai compagni con la consueta generosità.

DOUDOU 5,5, buttato nella mischia per sfruttare la sua velocità in contropiede, spreca in un paio di occasioni, situazioni molto invitanti.

DALLA BONA sv.

NOVELLINO 7, bravo a leggere la partita e a cambiare la situazione a gara in corso.