UN MODENA DISCRETO MA POCO INCISIVO BATTUTO A TRAPANI

TRAPANI-MODENA 2-0

TRAPANI (4-4-2)
Nordi, Ferri, Pagliarulo, Terlizzi, Rizzato, Garufo, Ciaramitaro, Caccetta, Basso (90′ Yaisien), Mancosu, Iunco (63′ Gambino).
A disp.: Marcone, Daì, Priola, Raimondi, Pacilli, Feola, Abate.
All.: Roberto Boscaglia.

MODENA (4-4-2)
Pinsoglio, Marzorati, Cionek, Manfrin, Zoboli (30′ Potenza), Bianchi (73′ Stanco), Burrai, Rizzo, Molina, Babacar, Granoche (54′ Mazzarani).
A disp.: Costantino, Calapai, Minarini, Dalla Bona, Nardini, Doudou.
All.: Walter Novellino.

Marcatori: 9′ Basso (rig.), 69′ Mancosu.
Arbitro: sig. Ghersini di Genova.

Un Modena ampiamente rimaneggiato, soprattutto in difesa, non ce l’ha fatta a proseguire la serie positiva che durava da cinque partite anche sul campo del Trapani. La trasferta in Sicilia ha evidenziato alcune lacune di una rosa che comunque in questo 2014 sta facendo benissimo. Innanzitutto l’assenza di un reale sostituto di Salifu, un giocatore che sarà impreciso, forse sgraziato e troppo falloso ma che rappresenta una vera e propria diga a protezione della difesa, la cui utilità è ancora più evidente col passaggio al 4-4-2. Un altro incontrista con le caratteristiche e il valore del ghanese in rosa il Modena non ce l’ha. Dalla Bona, quando sta bene, è più bravo nella costruzione del gioco, stessa cosa per Burrai, mentre Bianchi come incontrista, a Trapani è letteralmente scomparso. Resta Signori, che ha buone doti di recuperatore di palloni, ma che è fuori da diverso tempo per infortunio e comunque ha caratteristiche più offensive del ghanese. In secondo luogo l’assoluta dipendenza della manovra offensiva gialloblù dal gioco dei due esterni, Molina e Rizzo. A Trapani il primo è stato più confusionario del solito, mentre sul secondo il tecnico amaranto Boscaglia ha predisposto un continuo raddoppio di marcatura, in particolare quando cercava di accentrarsi, che ne ha limitato le qualità. Una sconfitta comunque che non pregiudica quanto di buono è stato fatto nelle ultime partite e che è venuta dopo una gara, specie il primo tempo, in cui il Modena avrebbe meritato il pareggio. Importante è che la squadra non la subisca psicologicamente e che, già dal prossimo sabato contro un Crotone rilanciato dal successo sul Brescia, riprenda la sua marcia per allontanarsi il più possibile dalla zona pericolo della classifica.

LE PAGELLE DEI GIALLOBLU

PINSOGLIO 6,5, nel primo tempo tiene a galla il Modena con un grande intervento su Mancosu. Incolpevole sui gol.

MARZORATI 5, colpevole su entrambi i gol del Trapani. Provoca il rigore dell’1-0 e si fa anticipare di testa da Mancosu in occasione del raddoppio siciliano. Una giornataccia.

CIONEK, 6,5 al rientro dopo un turno di riposo si rivela il più positivo della difesa canarina.

ZOBOLI 6, si fa male quasi subito. Prova a restare in campo ma poi è costretto a lasciare il posto a Potenza.

POTENZA 6, prestazione senza infamia e senza lode. Nella ripresa è spostato a destra con Marzorati riportato al centro.

MANFRIN 6,5, buon rientro per il giovane terzino. Si fa vedere anche in avanti, specie nel primo tempo quando impegna il portiere del Trapani con un tiro dalla distanza.

MOLINA 5,5, si mangia un gol già fatto nel primo tempo. Meno lucido e brillante del solito.

BURRAI 6, inizia male poi cresce alla distanza e si rende anche pericoloso da fuori area.

BIANCHI 5,5, deve fare l’incontrista ma si capisce subito che non è il suo ruolo.

RIZZO 5,5, ben controllato dai difensori del Trapani non riesce a incidere come altre volte.

GRANOCHE 5, pochissimi palloni giocati e mai incisivo. Esce per infortunio ad una spalla.

BABACAR 6, prova un paio di giocate delle sue, ma non è ne preciso ne fortunato. Meglio comunque del compagno di reparto.

MAZZARANI 5,5, entra nella ripresa ma non porta quella fantasia in più di cui il Modena avrebbe avuto bisogno.

STANCO sv.

NOVELLINO 6, la sua squadra gioca una buona gara, ma pecca di ingenuità e manca di soluzioni alternative in fase di costruzione.

GIOVANNI BOTTI