ROSSELLI, ALTRO SUCCESSO A SAN GIOVANNI

PERSICETO-ROSSELLI MUTINA 1-2

Reti: 14’ Dalrio, 69’ Azzouzi, 83’ Ricaldone

PERSICETO: Morisi, Filippini, Marchesi (66’ Neri), Compagnucci, Novelli, Dalrio, Limongelli (78’ Farinu), Cesari (75’ Veronesi), El Madi, Pattacini, Cattabriga. A disp. Baattout, Farisco, Serra, Iorizzo. All. Fancelli
ROSSELLI MUTINA: Brancolini, Ricaldone, Righi, Girotti, Tammaro, Vignocchi, Modica (65’ Azzouzi), Guilouzi, Gripshi, Pecorari (53’ Paradisi), Vaccari (53’ Ligabue). A disp. Benedetti, Bozzini, Guastalli, Manno. All. Nannini
Arbitro: Greco di Roma (assistenti Barbieri e Girgenti di Ferrara)

Note: spettatori 120 circa. Ammoniti Compagnucci, Pattaccini, El Madi, Tammaro e Girotti. Espulso al 47’ Righi per fallo da ultimo uomo

SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO) – Un’altra grande rimonta, arrivata per giunta in inferiorità numerica, regala alla Rosselli Mutina la vetta solitaria del girone B del campionato di Promozione. Decisive, nella trasferta sul campo del Persiceto, sono le reti di Azzouzi e Ricaldone. Un uno-due siglato in nemmeno un quarto d’ora che allunga lo straordinario filotto di 11 gare: nove vittorie e due pareggi, senza contare il passaggio del turno in Coppa Italia di mercoledì che aveva portato la truppa gialloblù a sbancare il terreno de La Pieve Nonantola conquistando le semifinali del torneo.

Archiviate le fatiche infrasettimanali, la Rosselli Mutina inizia a San Giovanni in Persiceto con lo stesso undici delle ultime domeniche. I locali partono con intensità e mettono in difficoltà i modenesi, che vanno al tiro solo da lontano: prima Modica in girata che spedisce out (al 3’), poi Pecorari con respinta del portiere (al 22’) e infine con Righi in incursione solitaria che manda fuori (al 33’). In mezzo c’è da annotare la marcatura dei padroni di casa, al 14’, con Dalrio che spedisce di testa in gol il cross dalla destra smorzato da El Madi. La palla rimbalza in area e il difensore incorna da pochi passi superando Brancolini. L’unica vera occasione per il pareggio si registra al 42’, quando una manovra sull’asse Gripshi-Girotti-Guilouzi conduce il numero a calciare sottomisura; il tiro però è sporco e Morisi intercetta.

Quella che si presenta nella ripresa è un’altra squadra, con un piglio diverso. Dopo appena 1’ gli ospiti si ritrovano però in dieci uomini: Righi, ricevuto un retropassaggio, viene tradito da una zolla e il pallone viene intercettato da Cesari, che si invola verso la porta. Il centrale lo atterra fallosamente, un intervento che l’arbitro romano Greco giudica da ultimo uomo. Il “rosso” potrebbe stroncare le ambizioni della Rosselli Mutina, tuttavia nella situazione di difficoltà emerge lo spirito del gruppo che si riorganizza sotto la guida del tecnico Nannini e comincia a macinare gioco. Pecorari ci prova su suggerimento di Gripshi al 6’ (alto sulla traversa) e Modica al 10’ si vede allontanare sulla linea un colpo di testa a botta sicura dopo un’azione sviluppata dalla destra da Paradisi, subentrato assieme ad Azzouzi. Nel frattempo Brancolini è chiamato a una super risposta su Dalrio, pronto ad andare di nuovo a bersaglio su corner di Compagnucci al 10’.

La pressione ospite trova comunque sfogo sulla corsia di destra, dove Paradisi imperversa, e dai piedi di Vignocchi parte il traversone che Guilouzi tocca in area favorendo l’inserimento di Azzouzi: il colpo di testa del centravanti è imparabile e sigla l’1-1. Il Persiceto replica dalla distanza, ma è la Rosselli Mutina a trovare la chiave per la vittoria: ancora da destra, stavolta grazie a Paradisi ispirato da Guilouzi, nasce il traversone che trova in mezzo all’area Ricaldone. E il difensore salito in avanti, con una “spizzata” da bomber, manda nell’angolino di sinistra facendo esplodere la gioia in casa modenese. Guilouzi fallisce il colpo del tris al 39’, spedendo tra le braccia del portiere, e l’assalto finale dei padroni di casa è ribattuto con intelligenza da Girotti e compagni: quanto basta per sbancare Persiceto e proseguire la corsa in vetta al campionato dopo 25 turni a quota 57 punti. Domenica prossima, 26 febbraio, i gialloblù sono chiamati al match interno col Fabbrico, che all’andata inflisse la prima sconfitta stagionale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.