SASSUOLO, UN CAMPIONATO FINORA CON PIU’ BASSI CHE ALTI

I tre impegni in pochi giorni nella settimana che si è appena conclusa, hanno confermato gli alti e bassi dimostrati dal Sassuolo in questa prima parte avanzata di stagione. Una vittoria, forse non del tutto meritata, sul campo del Verona, grazie al gol capolavoro di Djuricic, una brutta sconfitta in casa con la Fiorentina dopo essere andati in vantaggio ed essersi pian piano spenti col passare dei minuti, e un pareggio sul difficile campo di Lecce, ottenuto grazie ad un gol di Berardi a fine gara. Quattro punti in tre partite che non cambiano granché la classifica degli uomini di De Zerbi (non troppo lontani dalla zona retrocessione), tenendo però conto che si deve ancora recuperare la sfida di Brescia, rinviata in occasione della morte del patron Giorgio Squinzi e che è stata calendariata per mercoledì 18 dicembre alle 20,45.

Un bilancio che parla di tre vittorie, due delle quali in casa con squadre in crisi come Sampdoria e Spal, un pareggio e ben sei sconfitte, alcune con rovesci clamorosi nella prima mezz’ora di gioco (Roma e Atalanta). I problemi maggiori il Sassuolo gli ha avuti in difesa, la terza peggiore del campionato con 20 reti subite, dopo quelle di Lecce e Genoa. Ceduti in estate Demiral, Magnani e Lirola, la società neroverde ha puntato su alcuni ragazzi giovani come Toljan e Romagna e sulla conferma di Ferrari che, prima dell’infortunio che lo terrà fuori fino a metà novembre, non aveva confermato le buone prestazioni della scorsa stagione. A centrocampo si sta avvertendo più del previsto la cessione di Sensi, che nè Traorè nè Obiang sono riusciti ancora a sostituire in maniera adeguata, mentre in avanti l’ottima vena di Domenico Berardi (7 gol per lui in questa prima parte di stagione), è controbilanciata dagli alti e bassi di Caputo e da un Defrel non ancora all’altezza del passato.

Di contro sembra in crescita il talentuoso Boga, nonostante continui ad alternare grandi giocate ad altre inutili. Prima della sosta Magnanelli e compagni saranno attesi al Mapei Stadium (venerdì 8 novembre alle 20,45), dal derby con un Bologna coriaceo, ma finora abbastanza sfortunato. La pausa per lasciare spazio alle nazionali potrà consentire, forse, di recuperare qualche acciaccato in vista del tour de force di fine novembre, inizio dicembre. Domenica 24, alle 15, al Mapei Stadium arriverà la Lazio del capocannoniere del torneo Ciro Immobile, mentre una settimana più tardi, nel match delle 12,30, il Sassuolo dovrà fare visita alla Juventus campione d’Italia. Il match del Mapei contro il sorprendente Cagliari di Maran dell’8 dicembre concluderà un ciclo in cui i neroverdi dovranno soprattutto cercare di limitare i danni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.