SERIE D: CASTELFRANCO AD UN PASSO DALL’ECCELLENZA. TONFO CASTELVETRO

Il Castelfranco vicino alla retrocessione matematica dopo la sconfitta nello scontro diretto. Il Castelvetro perde malissimo a Ravenna

Non è una novità per il Castelfranco edizione 2016-2017 la lotta per la salvezza. Una lotta che però rischia presto di tramutarsi in rovinosa debacle. Ieri, nello scontro diretto tra Castelfranco penultimo e Sangiovannese terzultima (comunque in gioco per i play-out), la Virtus ha lasciato a casa gli attributi, come spesso accaduto da settembre ad oggi. Il match del “Ferrarini” si è concluso sul risultato di 3-1 in favore dei toscani, in vantaggio con Morbidelli al 23′ dal dischetto ed al 55′, ancora con il numero 10 valdarnese.
La reazione locale latita e allora Bucaletti, ex di giornata, sfrutta gli spazi lasciati dalla retroguardia virtussina per il triplo vantaggio al 68′.

Nel finale è orgoglio “disordinato” e confuso (vedi qui gli highlights) per la squadra dei Chezzi. Al 72′, su corner, accorcia le distanze Meucci. Mezgour ha l’occasione per riaccendere il finale, ma spreca davanti a Berti. Ora per il “Castello” si fa davvero dura. Giovedì si va a Rovigo (il Delta è secondo in classifica), e potrebbe arrivare già l’infausta sentenza. In caso di sconfitta emiliana e simultanee vittorie di Sangiovannese e Adriese (quartultima), i biancogialli saluterebbero con tre giornate di anticipo una Serie D calcata per ben tredici anni. E la sensazione è che sia solo questione di giorni.

Va persino peggio all’altra squadra modenese della categoria, il Castelvetro, che perde a Ravenna 5-0 (reti di Selleri, Graziani, Innocenti, Mandorlini, Forte). Un punteggio che lascia poco spazio alle opinioni, come sottolineato dallo stesso Serpini, ovviamente deluso dai suoi ragazzi (qui gli highlights del match). Ad oggi, è troppo chiedere a questa compagine di lottare per i play-off. Poca dimestichezza col calcio ha chi ha promesso e creduto in un Castelvetro subito al top in una categoria così ardua. La permanenza, comunque, è assicurata. Bicchiere mezzo pieno?

La classifica:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.