MODENA, CRESPO: “A LANCIANO NON AMMETTO CALI DI TENSIONE”

Infine La trasferta di Lanciano è, per il Modena, un primo, importante, momento della verità. La squadra gialloblù non può permettersi assolutamente di perdere sul campo di un avversario diretto per la salvezza. “Dobbiamo mantenere la concentrazione per 90-95 minuti e sono convinto che accadrà – spiega Crespo – di conseguenza siamo in grado di fare i tre punti. Non voglio più errori mentali, gli errori tecnici ci stanno, fanno parte del calcio, è giusto che sia così, però voglio evitare, cali di tensione, demoralizzazione, di regalare minutaggi agli avversari, questo non lo permetto più“.

Una prestazione da fare anche per il presidente, Antonio Caliendo, che la scorsa settimana ha subito una operazione al cuore. “Il pensiero più grande è rivolto al presidente Caliendo – dice Crespo – da qualche tempo a questa parte il presidente non può stare vicino alla squadra quanto lui vorrebbe. E’ un motivo in più per cercare di fare un ottima partita a Lanciano per cercare di vincere in trasferta, sfatare questo tabù e andare avanti per conseguire una salvezza che tutti vogliamo“.

I giocatori sono abbastanza sereni – continua il mister canarino – consapevoli che, indipendentemente da quello che dice la classifica, dipende ancora tutto da noi e quindi queste possibilità ce le dobbiamo andare a prendere, non aspettare che qualcuno ci regali qualcosa. Probabilmente al Braglia ci viene più naturale, ma ora dobbiamo cercare di farlo anche in trasferta“.

Infine qualche considerazione di Cresoi sul Lanciano, avversario dei gialloblù. “Il Lanciano è una squadra piena di giovani talentuosi, con qualche uomo di esperienza. E’ una squadra che ha cambiato allenatore da poco, che gioca col 4-4-2 o il 4-4-1-1 a seconda di cosa fanno fare a Marilungo. L’unico indizio che abbiamo è la partita scorsa la prima del nuovo tecnico. Sicuramente è una squadra complicata da battere ma, allo stesso tempo, è alla nostra portata“.