LE PAGELLE GIALLOBLU: AZZI POLIEDRICO, RENZETTI TANTE CORSE MA POCA PRECISIONE

Foto Fiocchi/ModenaFC 2018

GAGNO 6, qualche uscita alta, gestita sempre con sicurezza, e poco altro. La Viterbese si vede davvero poco.

AZZI 7, il migliore in campo. Parte da terzino destro dove se la cava bene sia quando spinge che in certi recuperi difensivi. Poi, nella ripresa, passa esterno sinistro del 4-4-2 e infine conclude da prima punta, dopo l’uscita di Bonfanti. Ha il merito di procurarsi il rigore del raddoppio, poi trasformato da Mosti.

SILVESTRI 6, una buona diagonale difensiva su Murilo nella ripresa e tanta ordinaria amministrazione. La Viterbese davanti è sembrata poca cosa.

PERGREFFI 6, anche per il capitano non più di un’ordinaria amministrazione gestita con tranquillità.

RENZETTI 6, dimostra subito di essere uno di quelli che ha più grinta e macina km sulla fascia, ma al cross non è sempre granché preciso.

ARMELLINO 5,5, l’impegno ce lo mette ma continua a sembrare troppo lento e macchinoso. Da un suo tiro nel primo tempo arriva il fallo di mano del rigore poi fallito da Tremolada. Nella ripresa lascia il posto a Giovannini quando Tesser decide di cambiare modulo.

GIOVANNINI 6, porta vivacità e freschezza all’attacco del Modena e sulla fascia mostra di poter essere molto pericoloso. Non sempre preciso nell’ultimo passaggio, ma sarebbe da provare anche nella formazione iniziale.

GERLI 6,5, inizia un po’ compassato come nelle ultime partite, poi acquista fiducia e da una sua incursione sulla sinistra arriva il fallo che lascia in dieci la Viterbese. Meglio nella ripresa quando recupera tanti palloni in una posizione più di copertura.

DI PAOLA 6, gioca una gara grintosa con tanti falli subiti e alcune opportunità di andare a tirare i calci piazzati dove però non è sempre preciso.

TREMOLADA 5, sembra incredibile che il fantasista lento, prevedibile e senza idee sia lo stesso giocatore che è stato in grado solo un paio di anni fa di essere decisivo anche in serie B. E’ in una fase di scarsissima fiducia e il rigore calciato sulla parte alta della traversa lo dimostra pienamente. Resta un giocatore importante e da recuperare.

MOSTI 6,5, entra in campo dopo dieci minuti della ripresa al posto di Tremolada ed è subito decisivo. Da un suo tiro respinto male dal portiere dei laziali, arriva il gol del vantaggio di Bonfanti. E nel finale trasforma con tranquillità il rigore che chiude il match.

BONFANTI 6,5, all’inizio fatica a trovare spazi nella abbottonata difesa della Viterbese, poi nel finale del primo tempo riesce a rendersi pericoloso con una girata in anticipo sul difensore che finisce sul palo esterno. Nella ripresa ha il merito di segnare il gol che sblocca la gara catapultandosi come un falco sulla respinta corta del portiere laziale.

SCARSELLA sv, in campo nel finale al posto dell’acciaccato Bonfanti.

MINESSO 6, al ritorno dopo l’infortunio rimediato contro la Lucchese, parte bene e dopo pochi minuti impegna il portiere della Viterbese da buona posizione. Nella ripresa cala un po’ ed è sostituito da Ciofani dopo il passaggio al 4-2-4 finale.

CIOFANI 6, senza infamia e senza lode. Quando entra in campo fa il suo senza grandi sbavature.

TESSER 6, ha il merito di cambiare in corsa squadra e modulo, dando spazio ai giocatori che hanno più gamba e voglia di emergere e alla fine è premiato.

(GB)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.