LE PAGELLE GIALLOBLU: GAGNO DECISIVO, BUON RIENTRO DI CITTADINI, BONFANTI NON SI VEDE

GAGNO 7,5, salva il risultato parando il rigore, per la verità non calciato benissimo da Magrassi, dopo lo sciagurato fallo di Azzi su Vita. Rischia qualcosa qualche minuto più tardi sulla punizione di Carriero, che inizialmente non trattiene, ma su cui riesce a recuperare prima dell’arrivo di un avversario. Per il resto ordinaria amministrazione.

CITTADINI 6,5, torna titolare dopo l’infortunio che lo ha tenuto fuori per diverse settimane, come braccetto destro della difesa a tre e gioca una gara attenta in cui non commette grandi errori, nonostante si trovi di fronte spesso un attaccante esperto come Beretta. Unica pecca l’ammonizione che da un certo punto in avanti, ne condiziona un po’ le certezze.

DE MAIO 6, anche lui torna titolare in campionato al centro della difesa e, pur non essendo un fulmine di guerra, riesce a cavarsela discretamente con il dinamico trio d’attacco del Cittadella. Nella ripresa esce sostituito da Silvestri.

SILVESTRI 6, anche per lui prova sufficiente, senza grandi sbavature, ma anche senza grandi recuperi.

PERGREFFI 6,5, il capitano è, ancora una volta, il giocatore più brillante della difesa gialloblu. Mette la solita grinta trovandosi di fronte, non senza qualche apprensione, soprattutto i pericolosi Beretta e Varela.

OUKHADDA 5,5, schierato esterno destro di centrocampo a tutta fascia, fatica ad imporsi come a volte fa da terzino. Diversi errori nei passaggi e qualche difficoltà in copertura con il brillante Antonucci. Nel primo tempo ha anche una buona opportunità su cross di Tremolada, ma colpisce male il pallone e calcia alto.

GERLI 6, tanto lavoro oscuro e tanti palloni recuperati a centrocampo prova, in alcune occasioni, a portare avanti il pallone con le sue classiche incursioni personali, ma non riesce in realtà a fare male al Cittadella.

MAGNINO 6, anche per lui tanto lavoro oscuro a centrocampo, tanti palloni recuperati e tanta lotta, ma meno appoggio alla fase offensiva rispetto ad altre volte. Gara comunque sufficiente.

AZZI 5, schierato esterno sinistro a tutto campo, un ruolo che gli permette di liberarsi un po’ dagli orpelli della fase difensiva. In realtà in avanti combina poco e nella ripresa, in uno dei rari momenti in cui deve fare la diagonale in copertura, è in ritardo su Vita e lo atterra in area regalando un rigore che fortunatamente Gagno neutralizza. Un giocatore da ritrovare.

TREMOLADA 5,5 schierato nella sua classica posizione di rifinitore dietro le punte, gioca anche un discreto primo tempo con un buon cross per Oukhadda che però l’esterno non sfrutta e nel finale un assist in area per Diaw. Poi, nella ripresa, si perde un po’ nella lotta contro il centrocampo tosto del Cittadella e nel finale Tesser lo sostituisce con Poli.

POLI sv, pochi minuti in campo e primi palloni toccati da giocatore del Modena. Calcia nel finale una punizione mettendo in area un ottimo cross. La sua esperienza e la sua qualità torneranno utili.

DIAW 6, è l’unico che riesce ad essere pericoloso degli attaccanti gialloblu, con qualche tentativo di incursione in area e con una bella conclusione in diagonale nel finale del primo tempo parata dal portiere del Cittadella. Ha comunque pochi spazi e poche opportunità per mettersi in mostra.

MARSURA sv, in campo negli ultimi 20 minuti al posto di Diaw non riesce ad incidere.

BONFANTI 5, partita molto complicata per il giovane bomber canarino che, stretto nella morsa dei due centrali del Cittadella, non riesce praticamente mai a calciare in porta e di testa è quasi sempre anticipato. Una partita, comunque, da cui trarre esperienza.

TESSER 6, viste le assenze a centrocampo e i tanti gol subiti nelle precedenti gare, prova a cambiare modulo, come in tanti gli chiedevano e un risultato lo ottiene. Con un po’ di fortuna il Modena non prende gol per la seconda volta nel campionato. Per il resto è tutto da rivedere e rivalutare a partire dall’utilizzo del modulo sul quale, se si decide di portarlo avanti, ci sarà molto da lavorare.

(GB)