MODENA-BENEVENTO 1-1, LE PAGELLE GIALLOBLU: TREMOLADA IL MIGLIORE, GERLI PREZIOSO, MAGNINO IN DIFFICOLTA’

Foto Fiocchi/MFC

GAGNO 6, non deve compiere grandi interventi, anche perché il Benevento non tira praticamente mai nello specchio della porta se non in occasione del gol del momentaneo vantaggio. Situazione in cui il portiere gialloblu non ha particolari responsabilità.

COPPOLARO 5,5, prova ad andare in appoggio alla fase offensiva sulla fascia destra, ma le poche volte che riesce ad arrivare al cross non è ne preciso ne incisivo. In difesa rischia poco, ma bisogna dire che il Benevento non è che faccia cose straordinarie.

PERGREFFI 6, una gara sufficiente, senza grandi salvataggi, ma neppure gravi errori. Si trova di fronte prima l’evanescente Forte, poi il poderoso Simy, che però giostra più dalla parte di Silvestri.

SILVESTRI 6, stesso discorso fatto per Pergreffi, con la differenza che nella ripresa fatica un po’ ad adattarsi alla “montagna” Simy, decisamente più alto di lui. Ma alla fine riesce a non farlo essere troppo pericoloso.

PONSI 6, Tesser lo ripropone dal primo minuto dopo diverse gare e il giovane ex Fiorentina parte anche discretamente. Poi col passare dei minuti cala e non riesce a risultare pericoloso sulla sua fascia di competenza. Nella ripresa è costretto ad uscire per crampi, sostituito da Renzetti.

RENZETTI sv, in campo al posto di Ponsi negli ultimi otto minuti più recupero, pone la sua esperienza al servizio della squadra, soprattutto quando il Modena resta in dieci dopo l’infortunio di Tremolada.

GERLI 6,5, il migliore del centrocampo canarino. Gioca un ottimo primo tempo nel quale recupera diversi palloni e prende per mano la squadra nel momento più difficile, dopo il gol del Benevento.

ARMELLINO 6, non era al meglio, lo si sapeva, ma gioca una gara di costanza e abnegazione in mezzo al campo, più in fase di copertura che di appoggio alle punte.

MAGNINO 5, non è certo la sua giornata migliore. Nel primo tempo lascia spazio ad Acampora in area di rigore quel tanto che basta per consentirgli di girarsi e battere Gagno, poi calcia altissimo da buona posizione dentro l’area del Benevento. Nella ripresa non fa grandi cose prima di uscire per lasciare spazio a Gargiulo.

GARGIULO sv, ancora molto lontano alla condizione migliore. Non riesce ad essere incisivo.

FALCINELLI 5,5, decisamente meno brillante rispetto alle ultime uscite, in particolar modo i due derby vinti in trasferta. E’ spesso marcato a uomo e non riesce a incidere, facendosi notare quasi solo per un paio di ripiegamenti in copertura. Tesser a metà ripresa lo sostituisce con Bonfanti.

BONFANTI sv, entra in campo con la voglia dei fare grandi cose, ma non riesce a risultare incisivo come in altre occasioni. Ha una buona opportunità in contropiede, ma non vede Tremolada meglio appostato di lui e finisce per sprecare.

TREMOLADA 7, il migliore dei gialloblu, l’unico al momento in grado di accendere la luce. Nel primo tempo, prima colpisce il palo dopo uno scambio in area di rigore, poi con una grande giocata offre a Diaw il pallone del riscatto che l’attaccante mette in rete. Anche nella ripresa continua ad essere ispirato e l’arbitro gli ferma una azione in cui era praticamente davanti alla porta per un fallo di mano inesistente. Nel finale si infortuna al ginocchio per uno scontro a centrocampo ed è costretto ad uscire lasciando in 10 il Modena, che aveva già operato tutti gli slot dei cambi.

DIAW 6,5, assieme a Tremolada il giocatore più pericoloso dei Gialli. Dopo soli 9 minuti, con una grande azione personale si conquista il rigore che potrebbe aprire nel migliore dei modi la gara. Dal dischetto calcia si angolato ma troppo debole, consentendo al portiere di intervenire. Nella ripresa ha una grande occasione, sempre su assist di Tremolada, ma il portiere del Benevento respinge di piede.

TESSER 6, la gara la imposta bene e per la verità, salvo il gol del momentaneo 1-0, il Benevento non fa grandi cose. Nella ripresa forse affretta la sostituzione di Ponsi, che comunque aveva i crampi, trovandosi poi a dover giocare per una decina di minuti più recupero con un uomo in meno.

(GB)