MODENA, MIGNANI: “E’ DIFFICILE SEGNARE CONTRO AVVERSARI CHIUSI. I SOCIAL? PIU’ DANNOSI CHE UTILI”

Le parole di mister Michele Mignani alla vigilia del big match in programma domani al Braglia contro la Triestina.

Fai poco in due giorni. Ieri chi ha giocato sabato ha fatto scarico. Più che altro lavori sotto l’aspetto mentale. Con la Vis ho visto pochi errori. Ad oggi il nostro limite se non riusciamo a vincere la partita non riusciamo a pareggiare. Così è successo a Pesaro come con la Virtus Verona: però abbiamo creato occasioni importanti e con un pizzico di cattiveria in più avremmo potuto pareggiare. L’attacco? Penso che stiano facendo un grande lavoro. Abbiamo vinto più partite di tutti con la miglior difesa. Certo non abbiamo il miglior attacco, ma abbiamo ruotato tutti i giocatori là davanti. Voglio sicuramente a lavorare sulla loro testa, ma non voglio creare problemi che al momento non esistono. La squadra deve stare tranquilla e sta a me metterli in condizione di fare gol. Nelle ultime partite l’unica che non si è chiusa dietro è stata il Gubbio. Se guardi l’atteggiamento della Vis Pesaro fin dal primo minuto ha portato 11 giocatori dietro la linea della palla. E’ difficile trovare degli spazi e queste partite vengono decise da una giocata individuale. Noi ci abbiamo provato, ma quando giochi contro una squadra chiusa è difficile trovare la via del gol. Nel girone di ritorno sarà sempre più difficile fare punti. Non riuscire a recuperare? Non credo che diventi un problema psicologico. E’ il nostro limite, ma con la Virtus e la Vis Pesaro le nostre occasioni le abbiamo create, ma abbiamo perso. Il calcio purtroppo è anche questo. Credo nel lavoro che stiamo facendo, e ai ragazzi non posso rimproverare nulla. La squadra? Ad oggi stanno tutti bene. La Triestina? Una squadra forte, costruita per stare nelle prime posizioni. Hanno cambiato allenatore, e nelle ultime partite hanno giocato con il nostro modulo. Hanno giocatori di esperienza e fisici, con molte alternative. Sarà una sfida aperta e siamo pronti a giocacerla. Luppi? Ha fatto un solo allenamento con noi, ma ha sempre giocato finora. L’ho trovato bene e non penso che ci metterà molto ad integrarsi nei nostri schemi. Corradi? Ci ha messo poco a capire le mie richieste e ad inserirsi. E’ uno dei titolari e ci darà una mano da qui alla fine. I social? Non li guardo tanto, e penso che facciano più male che bene. Rispetto le opinioni di tutti ma non mi faccio impensierire dalle critiche, ma le accetto. Lavoro ogni giorno con la squadra per migliorare“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.