OLBIA-MODENA 0-3, GAGNO: “BELLO PARARE IL RIGORE SOTTO LA NOSTRA CURVA. SIAMO IN CRESCITA E SI VEDE DA COME ANDIAMO IN CAMPO”

Uno dei protagonisti della partita di Olbia è stato sicuramente Riccardo Gagno, che prima ha provocato il rigore che poteva riaprire il match, poi lo ha parato chiudendo di fatto le speranze di rimonta della squadra sarda. “Ho provato a chiudere la partita senza prendere gol – dice quasi scherzando il numero uno canarino – anche se me lo stavo facendo da solo visto che ho causato io il rigore. In generale abbiamo giocato una buona partita, affrontata subito nel modo giusto. Sull’occasione del rigore – continua Gagnosecondo me Ragatzu non l’ho toccato. Comunque l’arbitro nello spogliatoio dopo aver rivisto l’episodio, mi ha detto che secondo lui il rigore c’era, ma si è scusato per l’ammonizione che non mi doveva dare. Pazienza, come sbagliamo noi sbagliano anche loro“.

Il portiere gialloblù si sofferma poi sul centinaio di tifosi che hanno seguito il Modena anche in una trasferta così lunga come quella di Olbia. “Mi ha fatto molto piacere parare il rigore proprio sotto la curva e davanti a così tanti tifosi venuti fino in Sardegna. E’ stato davvero bello anche per noi vedere i tifosi qui come a Pescara, li ringraziamo e penso che sia un grazie generale da parte di tutti, società compresa. Quello che chiedo a loro è di starci sempre vicini, anche nei momenti più difficili, se dovessero arrivare“.

Infine due parole sulla classifica che vede i gialloblù salire al terzo posto con 21 punti. “Alla classifica ci si da un occhiata giusto per vedere cosa fanno le altre, ma è presto, vedremo più avanti – spiega Gagnosiamo contenti per il filotto di tre vittorie in una settimana, stiamo crescendo molto, l’atteggiamento è cambiato e siamo molto più propositivi rispetto a qualche partita fa. Dagli errori si dice che si impara e forse anche la sconfitta di Montevarchi ci ha aiutato a trovare una maggiore compattezza. Penso che si veda da come andiamo in campo che siamo in crescita“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.