TESSER: “ABBIAMO APPROCCIATO LA PARTITA MENO BENE DEL SOLITO. ORA PENSIAMO SOLO A NOI STESSI”

Foto Vignoli

Seconda sconfitta in trasferta per il Modena in tutto il campionato, dopo quella subito a Pontedera contro il Montevarchi. Ma il tecnico gialloblù Attilio Tesser non fa drammi e cerca di tenere la concentrazione alta già per la prossima sfida in casa con l’Imolese. “Intanto bisogna fare i complimenti a chi vince – dice subito mister Tesser – avevamo detto che non era una partita facile al di la di quello che dice la classifica. Noi abbiamo approcciato meno bene del solito, i primi 20 minuti hanno fatto meglio loro. Subito il gol ci abbiamo messo un po’ a riprenderci ma nel finale del primo tempo avevamo avuto diverse occasioni, su cui è stato bravo il loro portiere, mentre nella ripresa ne abbiamo avute meno e abbiamo fatto molta più confusione“.

Chi ha sofferto particolarmente oggi è stato Paulo Azzi, messo in difficoltà sulla fascia dal veloce Mezzoni. “E’ vero – spiega il mister canarino – Mezzoni ha spinto di più e Paulo si è trovato di fronte un giocatore che ha avuto la meglio anche sulla corsa, soprattutto nella prima parte di gara. Per il resto abbiamo concesso troppo in mezzo al campo. Abbiamo avuto anche tanti calci d’angolo e punizioni che non abbiamo saputo sfruttare, ma questo è un problema che ci portiamo dietro fin dall’inizio. Il rammarico per me è, soprattutto, il fatto che abbiamo approcciato meno bene che altre volte“.

Nella ripresa Tesser ha provato anche la soluzione delle tre punte di peso, ma non ha granché funzionato. “E’ una scelta che ho già provato a volte in passato contro difese così chiuse come la Pistoiese di oggi. Purtroppo non abbiamo concretizzato le tante palle in area. Il cambio di Armellino nel primo tempo ha un po’ condizionato i cambi che avevamo in mente. Lui ha sentito tirare a livello muscolare e ha chiesto il cambio. Vedremo domani quando farà gli accertamenti“.

Una domenica negativa resa meno amara dal pareggio della Reggiana sul campo della Viterbese che lascia i canarini a più quattro sui rivali granata. “A livello di classifica avere 4 o 5 punti di vantaggio non cambia granché – spiega Tesser – noi dobbiamo guardare in casa nostra, poi ci mancherebbe il fatto che la Reggiana abbia pareggiato oggi è importante. Ora pensiamo a giocare e a vincere con l’Imolese poi alla fine andremo a vedere cosa hanno fatto a Fermo gli altri. Dobbiamo pensare solo a noi stessi“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.