FORMULA UNO, SEMPRE PIU’ SFIDA A DUE TRA I PILOTI MERCEDES

Il Mondiale di Formula Uno è sempre più un fatto privato della Mercedes. Il titolo, infatti, se lo contenderanno, probabilmente fino all’ultimo Gran Premio, i due piloti della scuderia tedesca, il campione del mondo in carica Lewis Hamilton e lo sfidante Nico Rosberg. E la Ferrari, anche quest’anno, è costretta a stare a guardare e a leccarsi le ferite per scelte tattiche discutibili e sconfitte rimediate anche quando sembrava possibile la vittoria.

In Austria, in quel Red Bull Ring inaugurato proprio da Sebastian Vettel ai tempi della Red Bull, il pilota tedesco del Cavallino ha proseguito inspiegabilmente quando la maggior parte dei contendenti rientrava ai box per cambiare le gomme e ha finito per abbandonare proprio per lo scoppio della gomma posteriore destra al 27° giro. Una scelta che farà discutere per tutta la settimana di avvicinamento al Gp di Gran Bretagna, in programma domenica 10 luglio.

Una gara, quella britannica, in cui si rinnoverà la sfida tra i piloti Mercedes (con il successo in Austria, Hamilton ha riavvicinato Rosberg ed è ora a soli 11 punti dalla vetta), ma anche il tentativo della Ferrari di conquistare il primo Gran Premio stagionale. Il favorito sarà naturalmente Lewis Hamilton, padrone di casa e vincitore delle ultime due edizioni della corsa, mentre Nico Rosberg si è aggiudicato l’edizione del 2013. Gli ultimi due successi della Ferrari risalgono al 2011, quando Fernando Alonso batté proprio Sebastian Vettel, e al 2007, con Kimi Raikkonen primo davanti allo stesso Alonso, allora alla guida della McLaren.