FORMULA UNO, SI PARTE IL 5 LUGLIO IN AUSTRIA. GP DOPPI A ZELTWEG, SILVERSTONE E BAHRAIN

Qualche giorno dopo l’ufficialità dell’approdo in Ferrari di Sainz per la prossima stagione, è uscita una bozza di quello che potrebbe essere il calendario per l’annata 2020 della Formula 1. Nel momento in cui scriviamo non ci sono ancora ufficialità, ma pare proprio che il prossimo 5 luglio sia la data in cui le monoposto torneranno in pista in Austria. Data la posizione strategica del circuito di Zeltweg, la gara verrà ripetuta anche la settimana seguente, nel weekend dal 10 al 12 luglio. Il Gp successivo potrebbe essere quello d’Ungheria il 19 di luglio, poi doppio Gp in Gran Bretagna a Silverstone (2 e 9 agosto). Gran Premio doppio anche in Bahrain a fine Mondiale (27/29 novembre e 4/6 dicembre).

Confermate la maggior parte delle altre gare in Europa: 21/23 agosto in Spagna, 28/30 agosto in Belgio e 4/6 settembre in Italia (circuito di Monza). Si correrà anche in Azerbaigian (18/20 settembre) e in Russia (25/27 settembre). In seguito sarà la volta dei Gran Premi dell’Oriente, in particolare quello della Cina (2/4 ottobre) e del Giappone (9/11 ottobre).

Poi le scuderie voleranno alla volta del continente americano per disputare i gp degli USA (23/25 ottobre), del Messico (30 ottobre/1 novembre) e del Brasile (6/8 novembre). Si tornerà poi in Oriente per gareggiare sul tracciato di Hanoi, in Vietnam (20/22 novembre), e infine i piloti delle monoposto si sfideranno nei restanti tre Gran Premi stagionali: i già citati due consecutivi del Bahrain e quello degli Emirati Arabi Uniti (11/13 dicembre).

Un lungo tour-de-force senza la pausa estiva che si prospetta affascinante e mozzafiato per i milioni di tifosi e appassionati dei motori in tutto il mondo. Peccato solamente per la cancellazione di alcuni storici Gran Premi, come quello di Albert Park in Australia e, soprattutto, come quello di Montecarlo, appuntamento clou di ogni singola stagione. Sicuramente i piloti non vedranno l’ora di scendere nuovamente in pista per dare la caccia al campionissimo Lewis Hamilton e alla sua Mercedes. Lo stesso iridato, però, di recente ha rilasciato un’intervista in cui ha affermato che “correre i gran premi senza i tifosi darà una sensazione di vuoto. Sarà un po’ come nei test”.

A proposito, invece, del mondo Ferrari, dallo scorso lunedì 18 maggio hanno riaperto al pubblico i due Musei di Modena e Maranello interamente dedicati alla casa del Cavallino Rampante. Per quanto riguarda, invece, la Notte Rossa (foto sotto), l’amministrazione comunale di Maranello ha ufficializzato di recente il rinvio all’anno prossimo del popolare appuntamento tradizionalmente previsto per il mese di giugno.

(di Mattia Amaduzzi)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.