GP DI MALESIA, DOMINIO MERCEDES, ALONSO QUARTO

Lewis Hamilton si riscatta dopo il ritiro in Australia e con la sua Mercedes domina il Gran Premio della Malesia, precedendo il leader del Mondiale e suo compagno di squadra Nico Rosberg. Una gara quella malese che conferma come il team tedesco sia nettamente in vantaggio rispetto alle altre scuderie. Importanti segnali di risveglio sono arrivati dalla Red Bull di Sebastian Vettel, terzo al traguardo, mentre avrebbe bisogno di un esorcismo Daniel Ricciardo, che in cinque giri tra problemi tecnici e penalità ha fatto ben tre soste ai box rpima di ritirarsi. Al quarto posto si è piazzato il ferrarista Fernando Alonso, ma l’impressione è che la Ferrari sia nettamente inferiore alla Mercedes e dopo questa gara anche la Red Bull sembra avere una marcia in più rispetto alla vettura di Maranello. Ottima invece la gara di Nico Hulkemberg su Force India, che ha terminato al quinto posto, cedendo la posizione ad Alonso solo nelle ultime tornate, dopo essere stato a metà gara anche al secondo posto. Un passo indietro rispetto a due settimane fa lo hanno fatto le McLaren con Button (sesto) e Magnussen (nono). In mezzo alle due monoposto di Woking si sono inserite le Williams di Massa e Bottas, con un finale di gara non immune da polemiche. Per tutta la gara infatti il finlandese è sembrato essere più veloce del compagno di squadra, tanto che nei giri finali dal muretto era arrivato a Massa l’ordine di far passare Bottas. La risposta del brasiliano non è mai arrivata e la sensazione è che nemmeno in Williams l’ex pilota Ferrari avrà la libertà d’azione tanto desiderata e mai ottenuta negli ultimi anni in Ferrari. A chiudere la zona punti ci ha pensato il giovane russo Kvyat, che dopo l’esordio positivo si riconferma anche sul difficile tracciato di Sepang. Dietro di lui va segnalato un quasi commovente undicesimo posto di Grosjean, che guida una Lotus ai limiti dell’imbarazzante e il dodicesimo posto di Kimi Raikkonen, mai in gara a causa di una foratura nelle prime tornate che lo ha invischiato nelle retrovie per tutto il gran premio.

GRAN PREMIO DI MALESIA – ORDINE DI ARRIVO

1. Lewis Hamilton (Mercedes)
2. Nico Rosberg (Mercedes) +17.3
3. Sebastian Vettel (Red Bull) +24.5
4. Fernando Alonso (Ferrari) +35.9
5. Nico Hulkenberg (Force India) +47.1
6. Jenson Button (McLaren) +83.6
7. Felipe Massa (Williams) +85.0
8. Valtteri Bottas (Williams) +85.5
9. Kevin Magnussen (McLaren) +1 giro
10. Daniil Kvyat (Toro Rosso) +1 giro
11. Romain Grosjean (Lotus) +1 giro
12. Kimi Räikkönen (Ferrari) +1 giro
13. Kamui Kobayashi (Caterham) +1 giro
14. Marcus Ericsson (Caterham) +2 giri
15. Max Chilton (Marussia) +2 giri
16. Daniel Ricciardo (Red Bull) Rit.
17. Esteban Gutierrez (Sauber) Rit.
18. Adrian Sutil (Sauber) Rit.
19. Jean-Eric Vergne (Toro Rosso) Rit.
20. Jules Bianchi (Marussia) Rit.
21. Pastor Maldonado (Lotus) Rit.
22. Sergio Perez (Force India) Rit.

CLASSIFICA PILOTI

1. N. Rosberg 43
2. L. Hamilton 25
3. F. Alonso 24
4. J. Button 23
5. K. Magnussen 20
6. N. Hulkemberg 18
7. S. Vettel 15
8. V. Bottas 14
9. K. Raikkonen 6
10. F. Massa 6
11. J. Vergne 4
12. D. Kvyat 3
13. S. Perez 1

CLASSIFICA COSTRUTTORI

1. Mercedes 68
2. McLaren 43
3. Ferrari 30
4. Williams 20
5. Force India 19
6. Red Bull 15
7. Toro Rosso 7

FRANCESCO BEDONI