TEST BAHRAIN, VETTEL: “SEMPRE UN PIACERE GUIDARE GINA”. PER GIOVINAZZI È “UN SOGNO”

Vettel vittima di alcuni guasti elettrici, Hamilton davanti a tutti. Ma i tempi non contano per questa volta

Negli ultimi due giorni, martedì 18 e mercoledì 19 aprile, si sono svolti i primi test “in season” del 2017, lì, in Bahrain, dove la Ferrari ha trovato la seconda vittoria stagionale domenica scorsa. Per la Scuderia hanno girato Giovinazzi prima e Vettel poi. Il tedesco si è prestato all’utilizzo delle gomme Pirelli edizione 2018, mettendo in secondo piano il cronometro. Per Giovinazzi, invece, si è trattato del coronamento di “un sogno dai tempi dei kart”. L’italiano è infatti al primo vero assaggio della SF70H, vincitrice a Sakir.

Solo per la cronaca, il più veloce è stato Hamilton, ma va ricordato che Vettel ha girato meno degli altri per via di alcune problematiche tecniche e elettriche (un black-out durante il pomeriggio nel box). Il leader della classifica iridata ha così commentato le sue 67 tornate: “mi sarebbe piaciuto provare qualcosa di più, ma alcuni piccoli problemi ci hanno fatto perdere tempo. Durante queste giornate è normale. I tempi non ci interessavano oggi, ma guidare questa vettura è sempre un piacere.”

Una sorta di conferma di quanto già visto nei precedenti week-end di campionato per il pilota della Rossa.
Intanto, nel mondo del Circus, il boss della Force India Vijay Mallya è stato arrestato nella giornata di martedì a Londra. Ha poi pagato una cauzione pari a 650 mila sterline per la libertà provvisoria. È solo il primo passo di una battaglia legale per l’estradizione, causa dissesti finanziari e recupero prestiti causati dal businessman indiano.

di Gigi Ferrante

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.