MODENA VOLLEY, A SANTO STEFANO ECCO RAVENNA

Un Santo Stefano sottorete per gli appassionati di pallavolo. Domani al Palapanini andrà in scena il match, valido per la terza giornata del girone di ritorno, tra l’Azimut Modena Volley e la Bunge Ravenna. La squadra romagnola è allenata da una vecchia conoscenza del volley modenese: si tratta dell’ex palleggiatore gialloblù Fabio Soli.

Ravenna è la formazione più giovane della Superlega, infatti tutti i suoi giocatori sono nati negli anni ’90. In cabina di regia troviamo Luca Spirito: l’alzatore, dopo due stagioni passate in panchina, prima a Molfetta e poi a Verona, si è finalmente ritagliato un posto da titolare. Come opposto troviamo il portoricano Torres, osservato speciale del muro canarino. I due schiacciatori sono l’olandese Van Garderen e il francese Lyneel. Al centro troviamo i giovani Ricci e Bossi. Quest’ultimo, ex della sfida, è stato uno dei protagonisti della volata scudetto della scorsa stagione, quando fu promosso titolare al posto di Piano infortunato. Il libero è Goi.

Modena, dopo la grande prestazione offerta martedì in Champions, è chiamata a confermarsi in campionato. Ultimamente, molti set sono stati persi a causa di un atteggiamento sbagliato da parte dei giocatori nell’approccio alla partita, soprattutto contro le squadre considerate “piccole”. Mai come quest’anno si è vista una Superlega così equilibrata, dove la differenza tra la vittoria e la sconfitta sta nei piccoli dettagli. Quindi coach Roberto Piazza dovrà toccare le corde giuste dei suoi ragazzi, per stimolarli e per caricarli al meglio per il prosieguo della stagione.

Di Mattia Amaduzzi