MODENA VOLLEY: LA SCONFITTA IN GARA 3 BRUCIA ANCORA. ORA TUTTO DA RIFARE

Ennesima occasione sprecata dall’Azimut Leo Shoes Modena Volley. I canarini sono stati sconfitti 3-1 in casa della Sir Safety Conad Perugia, dopo essere stati ad un passo dall’impresa.

Nel terzo parziale, infatti, Zaytsev e compagni sono stati in vantaggio anche di ben 9 lunghezze, impensierendo i campioni d’Italia con una pallavolo spettacolo e un servizio ficcante. Poi il black-out che ha permesso ai perugini di accumulare break-point, grazie ad una battuta micidiale, portandoli prima a raggiungere Modena sul 24 pari e poi a conquistare il set con un ace di De Cecco su Urnaut.

Senza nulla togliere all’impresa dei ragazzi di coach Bernardi, nella pallavolo moderna nessuna squadra aveva mai dilapidato un vantaggio del genere. Quello che è accaduto al PalaBarton il giorno di Pasquetta rimarrà negli annali della storia di questo sport, così come il lavoro compiuto finora dal tecnico padovano con Perugia. In questa serie, la Sir sta letteralmente prendendo a pallonate la ricezione gialloblù, mettendo in pratica alla perfezione il concetto di “serve and volley”. Questo stile di gioco, importato dal tennis e applicato alla pallavolo, prevede di sfruttare al massimo la battuta per costringere l’avversario a regalare una rigiocata facile o a forzare gli attacchi, spesso sbagliando. Bernardi dunque, avendo a disposizione bombardieri come Leon, Atanasijevic, Podrascanin e Lanza, ha esasperato questo nuovo modo di interpretare la pallavolo.

D’altro canto però Modena ha toppato nei momenti clou del match. Zaytsev non è riuscito ad incidere come in gara 2, Urnaut sta continuando a faticare parecchio e Rossini ha provato a mettere una pezza in ricezione, riuscendoci solamente a tratti. Questa volta, Velasco non è riuscito ha ribaltare la partita con i cambi, inserendo forse tardivamente sia Tillie che Kaliberda, due ricettori migliori di Bednorz e Urnaut.

Ora Modena Volley si trova improvvisamente con le spalle al muro. L’euforia, che l’aveva trascinata in gara 2 al PalaPanini, si è spenta tra le urla assordanti (con annessi fastidiosi amplificatori ogni qualvolta un giocatore avversario si presentava al servizio) del PalaBarton di Perugia. Zaytsev e compagni avranno a disposizione gara 4, in programma giovedì 25 aprile alle 16, in casa per provare a riportare in parità la serie.

Il peso, però, di avere gettato alle ortiche un vantaggio così ampio potrebbe avere delle ripercussioni sui canarini. Coach Velasco dovrà dunque cercare di fare tabula rasa: cancellare quanto è accaduto lunedì e ripartire da quella pallavolo spettacolo ammirata ad inizio terzo parziale.

Gli spettri degli anni passati, però, cominciano ad aleggiare sul Modena Volley. Anche le passate stagioni i gialloblù avevano vinto gara 2 in casa, salvo poi capitolare nelle sfide successive. Speriamo dunque che questa maledizione prima o poi finisca.

MA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.