MODENA VOLLEY MERCATO: LE MOSSE FUTURE DELLA SOCIETA’ CANARINA

Lasciata alle spalle la dolorosa sconfitta in gara 5, ora purtroppo si aprirà uno nuovo spinoso capitolo per l’Azimut Leo Shoes Modena Volley: l’ennesima ricostruzione della squadra.

Pare, infatti, che il capitano canarino Ivan Zaytsev, nonostante altri due anni di contratto, sia ad un passo dalla Lube Civitanova, che a sua volta perderà l’opposto titolare Sokolov. I segnali di questa operazione di mercato ci sono da tempo, a partire dall’ufficialità di Anderson sotto la Ghirlandina. La versatilità dell’americano è risaputa, così come la presunta volontà delle Federazione degli States di farlo giocare come opposto nell’anno pre-Olimpiade, in coppia con Christenson. Inoltre le dichiarazioni rilasciate dallo stesso Zaytsev a fine partita dopo gara 5 lasciano ben poco spazio all’interpretazione. Se fino a poco tempo fa lo “Zar” affermava in maniera decisa la sua volontà di rimanere a Modena, ora le sue parole si sono fatte più criptiche.

Se davvero questo ribaltone si concretizzasse, l’addio di Zaytsev lascerebbe un vuoto difficile da colmare: l’attenzione mediatica e l’interesse degli sponsor che muove lo “Zar” sono unici nel mondo della pallavolo. Oltre a questo, il suo ruolo in campo era fondamentale sia da un punto di vista tecnico che tattico. Il suo addio, infatti, lascerebbe vacante una delle caselle obbligatorie per gli italiani. Tale posto potrebbe essere riempito da Anzani, in coppia con Mazzone al centro. Questa mossa, però, escluderebbe dalle rotazioni Holt, uno dei migliori in quest’ultima parte di stagione, anche lui nel suo ultimo anno pre-Olimpiade.

Qualche tempo fa si pensava ad un possibile scambio Anzani-Lanza, che accontenterebbe entrambe le parti in causa. Questa mossa, però, sembrerebbe accantonata vista la volontà di Modena di puntare forte su Oleh Plotnytskyi, schiacciatore di Monza e una delle rivelazioni della Superlega. L’ucraino classe ’97, andrebbe a formare con Bednorz una diagonale giovane e potenzialmente devastante.

Un intricato gioco d’incastri che rischia di portare solo grane a Modena Volley, costretta, come ormai da tre anni a questa parte, a ricostruire la squadra a fine campionato.

MA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.