TUBERTINI: “DOBBIAMO AVERE DETERMINAZIONE E PAZIENZA, CON LA TESTA GIUSTA POSSIAMO FARCELA”

Quest’oggi il coach dell’Azimut Modena Volley, Tubertini, ha parlato in vista dell’importantissima sfida con Verona.

Seconda gara dei play off, ti aspettavi già che fosse una finale? “Si mi aspettavo di poter essere in questa situazione. Sapevo che Verona sarebbe venuta a Modena con tutte le intenzioni di vincere la gara. È un po’ di anni che ci prova a non gli è andata bene. Sono molto motivati e sono molto aggressivi. Ci sono riusciti per pochissime situazioni finali di set. Pochi palloni che hanno sbilanciato una partita dalla loro parte. Quindi mi aspettavo di andare a Verona e giocare una partita secca per il dentro – fuori.

Cosa serve per riportare questa serie e riportarla al PalaPanini? “Un po’ di pazienza perché qui le sconfitte risuonano in maniera molto ampia. Ho fatto vedere ai ragazzi i nostri dati rispetto a loro. Ci sono veramente poche sfumature. Dobbiamo essere lucidi e concentrati su quello che sappiamo e riusciamo a fare. Dobbiamo essere consapevoli che possiamo migliorare alcuni aspetti del nostro gioco, battagliare un partita fuori casa, con un pubblico caloroso per ribaltare la situazione.

Ruolo determinante la testa, Modena ha il peso di dover vincere a tutti i costi, Verona dal canto suo ha un po’ di pressione rispetto a gara 1? “La testa deve rimanere sulle spalle. Normale che ci sia la pressione e dell’aspettativa. È una partita, importante. 2 su 3, si sa già che se si perde la prima si è con l’acqua alla gola. Sappiamo che possiamo disputare un match al pari con una Verona che è ai nostri livelli. Rispetto per l’avversario, ma quando abbiamo la consapevolezza che possiamo stare in campo e dare il meglio di noi, anche i ragazzi sono convinti di poter portare a casa la partita.

Dopo la sconfitta in gara 1, la squadra come ha vissuto la settimana? “Quando perdi un po’ le scatole ti girano sempre, se è così è perché ci tieni molto. Un giorno per svuotare la testa. Da quando ci sono io a dirigere le redini di questa squadra è la prima volta che mi ritrovo a fare due allenamenti consecutivi per preparare la partita. Abbiamo fatto due giorni di lavoro in palestra insieme, e abbiamo lavorato sulle cose che ritenevamo più opportune. Penso di poter arrivare un po’ più pronto a questa partita.

Dal punto di vista tecnico cosa bisogna fare meglio per portare a casa il risultato? “Un po’ col cambio palla, l’attacco. Battuta e difesa sono due fondamentali che per il break sono molto importanti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.