VOLLEY: L’ADDIO DI ROSSINI E IL FUTURO DELLE QUATTRO GRANDI

La stagione della pallavolo è finita anzitempo, e questo ha portato al prematuro addio a Modena Volley di Salvatore Rossini. Il libero di Formia, attraverso i propri canali social, ha scritto un lungo e appassionato messaggio di ringraziamento per i sei anni trascorsi all’ombra della Ghirlandina, affermando che “Il PalaPanini è come un’onda, bisogna saperla cavalcare altrimenti ti travolge”.
Adesso la carriera sportiva di Totò Rossini proseguirà, con molte probabilità, a Trento alla corte di Angelo Lorenzetti, tecnico con il quale ha già lavorato per 2 stagioni proprio a Modena.

L’emergenza Coronavirus porterà ad un drastico ridimensionamento del budget delle squadre di Superlega. In questi giorni, infatti, i club stanno trattando con i propri tesserati il taglio degli stipendi, pari al 30%. La sensazione che un punto di incontro a 20/25% si possa trovare, ma chi sarà disposto ad accettarlo? Un’altra ipotesi avanzata è che le squadre si privino dei contratti più onerosi, per avere più facilità di manovra. Questo, però, significa perdere alcuni dei giocatori più significativi del campionato. Modena Volley, per esempio, ha ancora sotto contratto sia Matt Anderson (2021) che Ivan Zaytsev (2023), ed entrambi guadagnano cifre importanti. L’americano, pare, abbia già avuto un’offerta sostanziosa dalla Cina, mentre al momento appare più nebuloso il futuro del capitano gialloblù, anche se lo stesso Zaytsev nelle settimane passate aveva sempre affermato di voler rimanere a Modena e di essere pronto a ridiscutere il proprio contratto. A detta, però, della Presidentessa Catia Pedrini la squadra canarina ripartirà da una rosa di prospetto priva dei molti nomi altisonanti che i tifosi hanno ammirato gli ultimi anni al PalaPanini.

Anche gli altri tre top club della Superlega stanno affrontando gli stessi problemi della società gialloblù. La Lube Civitanova potrebbe rinunciare al forte schiacciatore Leal, pronto a tornare in Brasile; Trento, nonostante abbia allestito un super team per la prossima stagione, potrebbe perdere anzitempo l’opposto olandese Nimir Abdel Aziz, restio a ridiscutere un contratto firmato qualche mese fa. Infine anche Perugia, dopo aver perso due pilastri come De Cecco (Civitanova) e Podrascanin (Trento), potrebbe perdere altri pezzi da 90. Pare, però, che da ora in poi ci sia un tacito accordo di non sciacallaggio tra Lube, Trento, Modena e Perugia, ovvero che nessuno dei quattro club sfrutterà la crisi finanziaria degli altri per cercare di ingaggiare i loro top player. Infatti, tutti i movimenti di mercato sono antecedenti all’emergenza Coronavirus.

(MA)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.